Manifestazione di protesta nel rione Sanità a Napoli contro il ridimensionamento dell’ospedale San Gennaro dei Poveri. Il corteo guidato da padre Alex Zanotelli ha sfilato per le vie del quartiere fino a bloccare il traffico per un paio d’ore in via Santa Teresa degli Scalzi. I cittadini chiedono almeno l’attivazione di un presidio di prima accoglienza visto che a causa dei tagli alla spesa sanitaria, a partire dal 2011, nello storico nosocomio partenopeo sono stati cancellati via via diversi reparti a partire dal pronto soccorso. “In un quartiere povero, che si trova già al centro di una faida di camorra – spiega il Presidente della III Municipalità Ivo Poggiani – si chiude uno dei pochi presidi di legalità. Il ‘San Gennaro’ – prosegue Poggiani – diventerà un polo territoriale riabilitativo e polispecialistico, il che vuol dire che i cittadini prima di entrare dovranno pagare 40 o 50 euro di ticket”. Gli abitanti del rione Sanità chiedono almeno l’attivazione di un presidio di primo soccorso (in pratica un’ambulanza con rianimatore che consenta ai reparti presenti di effettuare piccoli interventi) o la riapertura del pronto soccorso, visto che in caso di necessità sono costretti a recarsi in strutture più lontane. “A me non fanno paura i proiettili – dice una ragazza che ha preso parte alla manifestazione – mi fa più paura pensare che se un bambino si fa male passa molto tempo prima di avere assistenza nella struttura più vicina, tra ospedali sovraffollati e traffico cittadino”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Macchina ‘abbatte’ motociclista a Laives. L’impatto è violento, ma lui rimane illeso

prev
Articolo Successivo

Dario Fo, Il funerale laico a Milano. Carlo Petrini: “Allegri bisogna stare”. Jacopo: “Siamo comunisti e atei ma so che ora è insieme a Franca”

next