“Sulla grande sfida di Roma 2024 eravamo davanti a tutti, e questo non fa che amplificare la responsabilità di chi si è preso il diritto di revocare un sogno ai bambini ed ai ragazzi”. Così Matteo Renzi durante la presentazione a Palazzo Chigi del piano Sport e Periferie. Il messaggio ovviamente è rivolto alla sindaca M5s della Capitale Virginia Raggi che ha ritirato la candidatura della città: “Provo tristezza per chi ha detto No”. Il premier si dice disponibile a incontrare la prima cittadina, ma alla domanda se, nonostante il rifiuto di ospitare i Giochi, i fondi potranno essere assegnati fondi a Roma, diventa sferzante: “Mi sembra una tesi suggestiva, la girerò a Bach (il numero uno del Cio, ndr). È un tema che potrebbe essere curioso. Farò ‘inoltrà alla mail” che mi invierà la sindaca”  di Manolo Lanaro

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anci, sindaco Pd Decaro eletto nuovo presidente. M5s si astiene, Pizzarotti vota a favore

next
Articolo Successivo

Referendum, Onida: “Il quesito lede la libertà di voto dell’elettore. E’ troppo eterogeneo”

next