“Il sì che non ti aspetti: per Renzi appello di 68 firme da Lotta Continua ad Avanguardia Operaia” – il titolo di un pezzo sulll’Huffington Post di ieri 12 ottobre, dedicato all’intramontabile vecchia guardia movimentista sessantottarda con annesso e connesso contorno dei movimenti d’allora: da quello studentesco a quello dei lavoratori per il socialismo e altre ed eventuali organizzazioni politiche tutte rigorosamente de sinistra. Le quali, se “all’epoca facevano fatica a esprimere istanze unitarie”, colta l’ennesima palla loro offerta dal referendum del 4 dicembre, sembrano aver ritrovato l’accordo nel sostegno a Renzi – dai militanti e attivisti d’antan si è sempre smarcato – firmando il loro manifesto ‘68 per il Sì.

Tra i 68 promotori per lo più sconosciuti per non dire ignoti, riemerge dall’oblio l’ex lottatore indefesso Carlo Panella, nonché cotal Gabriele Nissim il quale, nonostante nel ’68 fosse stato protagonista a 18 anni (chapeau), vide poi bene di lavorare per Canale 5, Panorama, Il Giornale e via discorrendo. Maurizio Carrara noto per esser presidente del Pio Albergo Trivulzio, la madre di tutte le tangenti da cui si dipartì Mani Pulite. Erminio Quartiani già deputato del Pd e attualmente vicepresidente del Cai, Club Alpino Italiano. Tra i nomi poco noti persino alla bocciofila sotto casa, si staglia quello di Danilo Taino, un onesto corrispondente del Corsera, che non si capisce come si sia potuto aggregare a questa congrega di giganti, talmente grandi da far tremare i polsi ai comitati per il No, in seguito alla lettura e rilettura del seguente appello.

“Lungo gli anni di un mai cessato impegno pubblico, abbiamo appreso che la democrazia non è un tram che si prende e dal quale si scende alla fermata improbabile di qualsiasi tipo di rivoluzione; non significa solo gridare nelle piazze, nelle assemblee, sui social-media le proprie ragioni; non è soltanto rappresentanza, ma anche governo; non è solo popolo, ma anche istituzioni. La Costituzione è bella, ma anche perfettibile. Il tempo presente richiede decisioni tempestive, apparati leggeri, eliminazione di doppioni inutili e costosi e l’allineamento istituzionale con le democrazie più avanzate. Ecco perché noi voteremo Sì e invitiamo a votare Sì nel referendum costituzionale del 4 dicembre 2016”.

Si noterà che, a parte la retorica in politichese, non si accenna nemmeno di striscio a una mezza proposta concreta di riforma di una schiforma, che ci chiede di avvallare una pseudo democrazia di fatto ormai morta e sepolta. Addirittura inventando una sorta di sindacato di reduci sessantottini che il movimento d’antan aveva rifiutato (il rifiuto della delega), e di essere rappresentato da gente che, ammesso e non concesso che quel periodo l’abbia vissuto da dirigente (sic!), come afferma la probabile giovin signora Angela Mauro che firma l’ilare ed esilarante pezzetto di cui sopra.

A questo proposito mi ritornano in mente le sbellicate di Mauro Rostagno – del ’68 fu leader – quando nel 1977 vuotò il sacco su quella che già allora considerava la sua “vecchia esperienza politica”, rilasciandomi al registratore dichiarazioni come questa: “Meno male che non abbiamo vinto” e “ma ti rendi conto… io marxista d’avanguardia… una cagata senza precedenti! Tutto basato su una visione machista e penetrativa… d’avanguardia. Il migliore, il leninista d’avanguardia del partito d’acciaio, il partito dei coscienti che penetrano le masse portando loro la coscienza, eccetera. Noi l’avevamo già capito che questa era una gran cagata”.

Questi tra i molti altri suoi pensieri e bilanci che pubblicai in almeno due saggi sul ’68 e dintorni. Per non dire della sua netta presa di distanza nei confronti del moralismo e dello pseudo perbenismo dei suoi ex amici e indefessi lottatori continui i quali, cessati i trucchi e dismessi i parrucchi, divennero manutengoli e reggipancia di tipi alla Berlusca & co.

A loro riferendosi, in un suo pezzo su Linus, titolato Vecchidimerda, Giorgio Cappozzo verga: “Hanno accumulato ricchezze truffando, rubando e corrompendo. E ora ci dichiarano guerra”. Una guerra, quella del referendum, che da perdenti che storicamente sono stati, ancora una volta perderanno. Persino nel caso di vittoria dei Sì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum, Mattarella: “Necessario rispetto reciproco, anche dopo il voto. Libero confronto, ma per bene comune”

prev
Articolo Successivo

Riforme, D’Alema: “Con il mio No al referendum difendo i valori fondamentali del Pd”

next