Mi mancano di rispetto quelli che mi accusano di essere egocentrico solo perché nella mia produzione ci sono anche gli autoritratti. Un autore sente anche il bisogno di affrontare se stesso, sarebbe come accusare tutti i pittori che hanno dipinto il proprio volto, una accusa assurda che devo sorbirmi spesso. Essere ossessionati da se stessi è una prerogativa di ogni artista. A me piace definirmi autore e non artista, ma ci siamo capiti, il campo da gioco è lo stesso. Non sono un autore famoso, ma questo c’entra poco con il valore, o no?

Per esempio non finirò mai nella casa del Grande Fratello Vip, ma non credo sia un male terribile. A proposito, mi capita quando vado da mamma di guardare la tv (a casa mia è abolita), l’altra volta ho seguito per dieci minuti, forse quindici, un frammento del Grande Fratello Vip. Ho provato una emozione fortissima, mi sono detto: “E’ geniale, è la rappresentazione del vuoto assoluto“. Ma io conosco il cinema di Bresson e so a memoria Truffaut, e posso permettermi di trovare sublime anche il Grande Fratello Vip. Ma quelli che hanno solo questo mangime mentale? Quelli che non sanno dell’esistenza di Bresson e di Truffaut? Che orribile paesaggio mentale devono avere nella testa.

Bene, per ora accontentatevi di Ricky Farina, poi andate a vedervi Un condannato a morte è fuggito. E fuggite anche voi, verso la Bellezza. Esiste ancora la Bellezza, solo che bisogna frugare fra le macerie, fino a sanguinare.

AFORISMA DEL GIORNO
Sono un egocentrico timido, mi piace sempre stare al centro della disattenzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quote rosa e quote di genere, misura di equilibrio o di discriminazione?

next
Articolo Successivo

Ius soli, i sogni infranti di Sonny: “Ho rinunciato alla nazionale italiana di basket…”

next