“Un anno fa la democrazia è stata lesa, i romani violentati da una classe dirigente a cui all’estero non aprirebbero il portone, qualcuno deve riflettere se ha la statura da statista”. Ignazio Marino si prende la rivincita dinanzi al Pd che lo sfiduciò da un notaio e al premier Matteo Renzi, primo artefice delle sue dimissioni. Si chiude così il caso degli scontrini, delle cene private del sindaco a spese della collettività. Assolto perché il fatto non costituisce reato. Prontamente arriva il tweet di Matteo Orfini: Marino è stato costretto alle dimissioni non per gli scontrini, ma perché non sapeva governare. “Orfini chi?” replica ironico l’ex sindaco in conferenza stampa. “Sono parole da personaggi di un libro di Collodi” di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, sindaco di Trieste rimuove lo striscione dalla facciata del Municipio: “Così mi sono tolto il dente cariato”

next
Articolo Successivo

De Luca vs M5S: “Un circo equestre che spero finisca presto. Luigino Di Maio? Un cafone”

next