“Grazie, grazie, grazie per i vostri messaggi di solidarietà. L’Arma è pulita, come è sempre stata”. Dopo il deposito della perizia dei consulenti nominati dal gip dell’inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi che vede coinvolti i carabinieri, a esultare su Facebook è stato Roberto Mandolini. Il maresciallo è indagato per falsa testimonianza con l’accusa di aver mentito ai pm per coprire “il pestaggio perpetrato da tre colleghi nei confronti del ragazzo” e nei mesi scorsi, come rivelato dal Fatto Quotidiano, è stato promosso a maresciallo capo. Il suo post è stato condiviso da Ilaria Cucchi con il messaggio: “Maresciallo Mandolini premier.
Facciamo un confronto pubblico io e lei? Facciamolo in un luogo dove possono esserci tutti i suoi amici che le danno solidarietà. E io vengo da sola”.

Mandolini nelle ore successive alla diffusione del documento, in cui si specifica che “non è possibile formulare certezze sulla causa di morte”, ma che il decesso improvviso per crisi epilettica è “l’ipotesi più attendibile”, ha scritto su Facebook la sua soddisfazione: “Ho quasi 10.218 messaggi di auguri”, si legge nel post, “vicinanza e solidarietà da leggere e rispondere arrivati sino ad oggi da cittadini di tutta Italia. Il vostro affetto, la vostra stima mi onorano e mi lusingano. Io ho fatto solo il mio dovere, come lo fa ogni singolo carabiniere. L’Arma dei carabinieri è pulita e lo è sempre stata. Risponderò a tutti, datemi una settimana di tempo. Sempre a testa alta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragusa, fu accusato di aver tentato di rapire una bimba. Gup: “Non luogo a procedere”

next
Articolo Successivo

Aggressioni con acido, Tribunale: “Figlio di Boettcher e della Levato verrà dato in adozione”

next