kaylaSoul contemporaneo, hip-hop, elettronica morbida, torbida e ipnagogica; un voyage sul crinale di sempre nuove soglie al termine di una notte iridescente e di dormiveglia. Black ma white: è uscito il primo album sulla lunga distanza di una ventiquattrenne pescarese che si fa chiamare Kayla, “Luna Nuova”. Ed è davvero un bell’ascoltare: il disco c’è, il progetto pure, voce e testi si attestano su livelli già maturi e guardare oltre Oceano col binocolo elettronico dell’Adriatico non è mai sembrato così easy. Nuove Rihanne all’italiana crescono. E abitano in provincia.

È il primo lavoro ufficialmente cantato in italiano, questo di Kayla, supportata dal suo collettivo artistico, la Stay Quiet Crew. In “Luna Nuova” troviamo nove tracce e ben otto diversi produttori (tra i quali nomi già noti come Lekter, 24SVN e Robert Ner); otto stili differenti uniti dal filo rosso che è la voce, a metà strada tra l’R&B, il rap melodico e il trill wave. Il sentimento di fondo resta di matrice introspettiva e post-esistenzialista; ma questa volta filtra, qua e là, un nuovo sguardo, bagnato di filamenti di luce.

Il disco ci racconta di un viaggio da una fase lunare all’altra, dalla notte fonda all’alba. Della ciclicità della morte e della rinascita. Dell’indispensabilità di uno stadio – di luna, di vita – dentro cui alloggia soltanto il buio.

Kayla, classe ’92, canta da sempre e scrive i testi delle sue canzoni. Il suo primo EP è stato “K”, tutto in inglese, in collaborazione con Karas. Se volete scoprirla, eccovi qualche coordinata. Io ve la consiglio.

“Luna nuova” free download
Teaser 
On bandcamp

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiziano Ferro in concerto, annunciate le date del tour 2017: biglietti in vendita dal 10 ottobre

prev
Articolo Successivo

The Rolling Stones, in arrivo il nuovo album “Blue & Lonesome”

next