Il risultato definitivo si potrà avere non prima di cinque anni, ma la speranza è che un nuovo protocollo di cure contro il virus Hiv messo a punto da diversi istituti britannici, funzioni. Un uomo di 44 anni che si è sottoposto alla terapia sperimentale al termine della cura non presenta segni del virus nel suo sangue.

A riportare la notizia molti media inglesi, tra cui il Guardian. La ricerca in questione, condotta su 50 persone, combina l’uso delle terapie antiretrovirali standard con un farmaco che riattiva il virus dell’Aids “dormiente” nel sangue, insieme a un vaccino che induce il sistema immunitario a distruggere le cellule infette. “Questo è uno dei primi tentativi seri di trovare una cura definitiva per l’Hiv”, spiega Mark Samuels, dirigente del Servizio sanitario inglese (Nhs) che sta finanziando il test. “È una sfida enorme – prosegue Samuels – ed è ancora all’inizio, ma il progresso è notevole”.

I farmaci antiretrovirali usati attualmente riescono a tenere molto basso il livello del virus nel sangue, ma non hanno effetto contro quella piccola percentuale di particelle virali “dormienti” che sono responsabili del ritorno della malattia se si interrompono le cure. Nel 2013 aveva suscitato molte speranze il cosiddetto “Mississippi baby”, una bambina nata sieropositiva e curata aggressivamente fin dalle prime ore di vita: in quel caso il virus, che in un primo tempo sembrava sparito, è tornato qualche mese dopo aver interrotto il trattamento. Lo scorso anno i medici dell’ospedale Necker di Parigi hanno invece reso nota la vicenda di una diciottenne anch’essa nata sieropositiva e curata con la terapia antiretrovirale fino ai sei anni. Nel sangue della ragazza, spiegano i medici pur restando molto cauti sulle prospettive, il virus non è rilevabile ormai da 12 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Premio Nobel medicina al biologo Yoshinori Ohsumi per studi su autofagia

prev
Articolo Successivo

Premio Nobel per la fisica 2016 a Thouless, Haldane e Kosterlitz per la scoperta del volto esotico della materia

next