Un grande evento a Milano per raccogliere fondi per il progetto di Chirurgia Pediatrica nell’Ospedale St. Damien di Haiti. La Fondazione Francesca Rava, da sempre attiva nell’aiutare i bambini in condizioni di disagio in Italia e nel mondo, organizzerà una serata di beneficenza speciale al Teatro alla Scala di Milano. L’evento sarà il 2 ottobre con un concerto diretto dal grande maestro Christoph Eschenbach che accompagnerà con un bellissimo programma gli oltre 70 orchestrali dell’Accademia del Teatro alla Scala. Verrà organizzata poi il 22 ottobre una seconda serata sempre a Milano al Teatro Della Luna con lo spettacolo di Rosario Fiorello.

Il ricavato permetterà di portare un concreto sostegno a tanti bambini e formare nuovi chirurghi pediatrici haitiani. La serata organizzata grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, Rolex e al contributo di Pirelli vedrà la presenza di Padre Rick Frechette, medico in prima linea, da trent’anni direttore NPH Haiti, che incontrerà donatori e volontari. La Fondazione Francesca Rava, nata nel 2000 rappresenta in Italia N.P.H (Nuestros Pequeños Hermanos), I Nostri Piccoli Fratelli, da 60 anni al servizio dei bambini orfani e abbandonati nelle sue Case e ospedali in nove paesi dell’America Latina.

L’associazione opera in condizioni tragiche. Ad Haiti ogni ora due bambini muoiono per malnutrizione e malattie curabili, uno su due non va a scuola e il 70% della popolazione non ha lavoro. N.P.H con il suo aiuto sul territorio assiste ogni anno un milione di persone grazie a tre ospedali, due centri di riabilitazione per bambini e 32 scuole di strada. Oltre a tutto questo la fondazione guidata da Padre Rick Frechette offre programmi di distribuzione di cibo e acqua, funerali per migliaia di corpi abbandonati e un centro produttivo e di formazione professionale.

L’intero ricavato verrà devoluto al progetto di Chirurgia Pediatrica nell’ospedale di St. Damien. La struttura, realizzata su progetto tecnico italiano, assiste 80.000 bambini l’anno e 4.000 mamme con i loro neonati. Ad Haiti  ci sono solo tre chirurghi pediatrici su oltre 10 milioni di abitanti. La Fondazione assieme alla Società Italiana di Chirurgia Pediatrica sta inviando medici italiani volontari per triplicare il numero di bambini operati ogni anno e formare nuove figure mediche. L’obiettivo è salvare subito centinaia di bambini e aiutare gli haitiani nel lungo periodo, dotandoli di know-how e professionalità “da primo mondo”.

Per informazioni sugli ultimi biglietti disponibili telefonare al 0254122917

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tenco Ascolta, un inedito Peppe Voltarelli al castello di Cosenza

prev
Articolo Successivo

Joan Thiele, tra Shazam e la radio: così la giovane cantautrice lancia il video del nuovo singolo ‘Lost Ones’

next