”Noi proviamo a mettere la vita vera, il flusso delle esistenze comuni nei nostri film, rappresentano quello che viviamo oggi”. Parola di Jean Pierre e Luc Dardenne che a Cannes hanno presentato il loro ultimo film La Fille Inconnue-La Ragazza senza nome di cui il Fattoquotidiano.it vi presenta il trailer in esclusiva. Una sera, a fine giornata, Jenny, una giovane dottoressa, sente suonare alla porta, ma non risponde. Il giorno dopo, la polizia la informa che una donna ancora non identificata è stata trovata morta nelle vicinanze.

”Avevamo questo film in testa da tempo, solo lo scorso anno siamo riusciti a realizzarlo, non c’entra con gli attacchi e  – avevano spiegato sulla Croisette i due registi già premiati con la Palma d’oro nel 1999 con Rosetta e nel 2005 con l’Enfant riferendosi agli attacchi terroristici in Belgio – non cerchiamo una contestualizzazione simile, piuttosto ci interessava la scelta individuale di questa donna, sentirsi responsabile per gli altri già cambia la vita”. Come in tanti film dei Dardenne, la scelta è di una donna, ”sono protagoniste del nostro cinema, crediamo in loro, nel loro pensiero libero e sono loro a fare la società migliore”. I pluripremiati cineasti belgi raccontano una storia che è, soprattutto, la ricerca di un’identità, raccontata attraverso un grande cinema che si fa specchio e metafora del reale. Il film arriverà nelle sale il 27 ottobre con Bim.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fuocoammare agli Oscar: dalla critica di Sorrentino agli incassi (scarsi). Così critica e pubblico sono sempre più lontani

next
Articolo Successivo

Café Society stasera nelle sale. Ancora un volta, grazie Woody Allen!

next