Chi c’è dietro all’Isis? Com’è stato possibile che poche migliaia di jihadisti abbiano inventato dal nulla uno Stato grande come il Regno Unito e siano in grado di organizzare stragi in ogni angolo del pianeta? “Il falso nemico. Perché non sconfiggiamo il califfato nero” (Rizzoli) di Corrado Formigli, giornalista e conduttore di Piazzapulita su La7, percorre in un reportage le zone di guerra occupate dagli uomini di Al-Baghdadi, nel tentativo di capire cosa si nasconde dietro. Formigli è stato il primo giornalista italiano a entrare a Kobane durante l’assedio dello Stato islamico e per i suoi reportage sulle stragi islamiste in Algeria e l’apartheid in Sudafrica ha vinto due volte il premio Ilaria Alpi.

Il falso nemico” racconta le complicità e il ruolo dell’Occidente nascosti sotto la maschera dei nuovi terroristi. Uomini e donne che si sono formati sotto gli occhi delle grandi potenze, che riprendono le esecuzioni come nei film di Hollywood, che hanno connessioni internet ultraveloci e autostrade su cui sfrecciano indisturbati trasportando armi fabbricate in Occidente. A subirne le conseguenze sono donne e bambini senza futuro, profughi da Aleppo a Milano. Una questione che vede l’Europa ancora divisa. Ma se in Italia l’orizzonte muore a Lampedusa, sui corpi dei migranti, nel cimitero delle barche, se è quello l’ultimo confine da difendere, allora l’Europa non ha avvenire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook news, Il Fatto Quotidiano al primo posto al mondo per indice di socialità: oltre 50 liker per copia diffusa

next
Articolo Successivo

Piazzapulita, Formigli: “Nostra troupe aggredita selvaggiamente durante inchiesta alla Magliana”

next