Minacce, schiaffi, calci e persino testate contro un bambino disabile. Violenze che andavano avanti da sei mesi. Per questo tre maestre della scuola elementare di Partinico, in provincia di Palermo, sono state arrestate dalla Guardia di finanza. Il gip ha disposto per loro gli arresti domiciliari.

A incastrare le insegnanti, tra cui quella di sostegno, le intercettazioni ambientali e le videoriprese. A far scattare le indagini sono stati i genitori dei bambini. Per gli inquirenti si tratta di maltrattamenti “aggravati dall’aver commesso il fatto con abuso dei poteri e violazione dei doveri inerenti una pubblica funzione e di averli compiuti nei confronti di minori ed all’interno di un istituto d’istruzione”.

“Le insegnanti adottavano abitualmente – spiegano gli investigatori – un linguaggio intriso di minacce verbali e ingiurie, usando violenza fisica (schiaffi, pizzicotti, strattoni, calci) nei confronti di alcuni bambini. Spiccano, in questo contesto, i maltrattamenti di una insegnante di sostegno nei confronti di un bambino diversamente abile“. Le vittime, rivela Palermo Today, sarebbero bambini di seconda elementare. Le indagini sono partite lo scorso febbraio e sono proseguite fino a giugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte sullo Stretto, Gratteri: “Renzi un mese fa diceva che priorità erano altre”

prev
Articolo Successivo

Evasione, nobile milanese arrestato ad Abu Dhabi per aver sottratto al fisco un miliardo. Era ricercato dal 2015

next