Meglio tardi che mai. Ci sono voluti diciotto anni per rendere in racconto nazional-popolare la cronaca di tutti giorni di Lampedusa. Da quando sono stati istituiti i Centri di Identificazione ed Espulsione (Legge Turco-Napolitano del 1998), nella televisione pubblica italiana finora sono mancate le occasioni di narrazione popolare di questa realtà, messa invece quotidianamente sotto la lente della cronaca dai telegiornali e dai programmi tematici.

Sarà stata forse la vittoria al Festival di Berlino di un documentario come “Fuocoammare” di Gianfranco Rosi e la recentissima candidatura dello stesso come film italiano in lizza per gli Oscar (senza dimenticare l’immensa produzione audiovisiva indipendente di questi anni sul tema, realizzata da operatori e autori che nel frattempo hanno popolato festival di tutta Europa) a risvegliare la missione del servizio pubblico dell’azienda di via Mazzini.

17% di share per un film tv in due puntate non si vedeva dai tempi di una fiction come “Butta la luna” del 2006 (anche se lì lo share era di 28-29%), proprio per narrazioni che hanno come tema principale la migrazione, l’accoglienza e il cambiamento della società italiana. Dall’esperimento di “Butta la Luna” sono però passati sette anni, visto che la serie si è infatti conclusa nel 2009. E lì, è bene ricordarlo, il protagonista era un migrante (interpretato da Fiona May).

“Lampedusa – Dall’orizzonte in poi” di Marco Pontecorvo, trasmessa il 20-21 settembre su Rai Uno, è un esempio di come la narrazione di tematiche di integrazione possa essere un’alternativa informativa alla cronaca anche per il pubblico televisivo. Il maresciallo della Guardia Costiera Serra, interpretato da Claudio Amendola, e l’operatrice del Cie, interpretata da Carolina Crescentini, sono modelli aderenti alla realtà che incarnano la parte finora – e per troppo tempo – non raccontata del paese. E la novità sta proprio qui, considerando che le fiction più seguite dal pubblico Rai sono “Don Matteo”, “Un Medico in Famiglia” e “Il commissario Montalbano”.

Paragonare questo film tv a serie televisive prodotte da canali privati per lo più anglosassoni (Netflix, HBO) sarebbe però azzardato e sbagliato, visto che sarebbe più giusto guardare al panorama europeo della televisione pubblica e confrontare i diversi palinsesti e risultati su questo argomento. Ovviamente la retorica sul tema rimane (come quella di molti programmi televisivi affini per tematica), come la rigidità sulla scelta dei caratteri, ma va comunque apprezzato e evidenziato l’impegno della Rai a rimettere al centro della sua agenda l’attualità e soprattutto a far cadere dei tabù che continuano a rappresentare il limite della sua missione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Costantino Vitagliano lascia la casa: così si estingue l’ultimo rimasuglio del ‘lelemorismo’. Per fortuna

next
Articolo Successivo

Will & Grace, il ritorno dell’amata serie? Solo per dieci minuti, a favore di Hillary Clinton (VIDEO)

next