GFAStSe si digita su Google il termine “G-Fast” ci si imbatte con termini tecnici relativi a modulazioni, frequenze, connessioni e cavi, e solo dopo aver scorso qualche pagina si scopre che è anche il nome del progetto one Man Band del musicista milanese Gianluca Fasteni.

G-Fast, infatti, è il nome d’arte con il quale esordisce nel gennaio 2011 quando pubblica il primo disco autoprodotto Dancing with the freaks a cui segue poco dopo Go To M.A.R.S. con cui dà vita a uno show munito di una chitarra Dobro con tre corde, suonando simultaneamente cassa e rullante con i piedi, e poi il banjo, la tromba, megafoni e chitarrine giocattolo.

Nel tempo i suoi concerti, ricchi di sfumature e invenzioni originali, diventano un marchio di fabbrica: sul palco suona quasi esclusivamente strumenti artigianali realizzati appositamente per lui dal liutaio di fiducia, come ad esempio chitarre ricavate da un vecchio contenitore di sigari o da una scatola di whisky.

Perennemente in tour, G-Fast ha pubblicato il suo terzo album intitolato Smoking On A Ballad, composto da sei brani caratterizzati da un songwriting che lascia con il fiato sospeso e da uno stile personale basato in buona parte sulla profondità e sull’espressività della sua voce polverosa. Soffuso e insinuante, il suono acustico è al servizio di una vena introspettiva diretta discendente di grandi nomi come Nick Drake e Mark Lanegan: ascoltare When I Go Home, She’s Black o The Crow is back per averne una prova. Magari non raggiungerà il loro livello di popolarità, ma di certo è apprezzabile il suo tentativo di creare una sintesi perfetta tra l’impresa solitaria e la forza di un’intera rock band.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diego Mancino, belle canzoni vivide, solide e retrò nel suo nuovo album “Un invito a te”

next
Articolo Successivo

Rock e religione, cosa lega i devoti di Lemmy e quelli di Padre Pio

next