Non poteva essere che lei, la senatrice Monica Cirinnà, ‘madre’ della legge sulle unioni civili, a celebrare il primo sì in Italia di un sindaco gay con il suo compagno. E’ accaduto oggi a San Giorgio a Cremano (Na), sul palco dell’arena di Villa Vannucchi, protagonisti il primo cittadino Pd Giorgio Zinno, 37 anni, e l’architetto Michele Ferrante, 35 anni. Per loro l’emozione di nozze arcobaleno dopo una convivenza di tre anni e sei di fidanzamento. Al termine della cerimonia il sindaco esulta: “Provo felicità per poter finalmente chiamare legalmente Michele mio marito. Perché mancava solo la parte legale, il resto già c’era da anni“. E il compagno Michele aggiunge: “Eravamo una coppia di fatto ci mancava solo questa carta davanti allo Stato che ci dà gli stessi diritti”. Sul palco il brindisi davanti ai presenti, un bacio e poi via al Museo Nazionale di Pietrarsa per il ricevimento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, ad amore risponde violenza. E’ questa la ‘famiglia naturale’ che volete?

prev
Articolo Successivo

Dolore cronico, ne soffrono in 13 milioni. “Ma strutture sono inadeguate anche per pregiudizio su cannabis”

next