“Servono altri dieci anni di investimenti per rendere le nostre scuole davvero dei luoghi sicuri”. A lanciare la “sfida” allo Stato è Cittadinanzattiva che stamattina nella sala Igea dell’Istituto dell’enciclopedia italiana a Roma, alla presenza del ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia, ha presentato il XIV rapporto sulla sicurezza, la qualità e l’accessibilità a scuola puntando la lente d’ingrandimento sulla trasparenza e sul rischio sismico delle nostre aule.

“Purtroppo – ha detto Adriana Bizzarri, responsabile scuola dell’associazione – non siamo ancora fuori dal tunnel dell’emergenza”. Al di là delle parole sono i dati a rendere l’idea della situazione: negli ultimi tre anni scolastici si sono registrati 112 crolli con 18 feriti. Le regioni più coinvolte sono la Lombardia (16 incidenti), il Veneto (12), la Sicilia (11) e la Toscana (10). Solo nello scorso anno si contano 31 crolli di solai, tetti, controsoffitti, distacchi di intonaco, caduta di cancelli e ventilatori: episodi accaduti in modo differenziato al Nord, al Centro e al Sud, nei piccoli paesi così come nelle città.

Cittadinanzattiva non punta il dito contro il governo Renzi, al quale riconosce di aver finalmente considerato l’edilizia scolastica come un’emergenza e una priorità sulla quale investire ma non basta: “Il tema del controllo degli appalti, del coinvolgimento degli utenti, della possibilità di avere facile accesso alle informazioni e ai dati che riguardano ciascuna scuola resta un traguardo lontano”.

Sotto accusa finisce l’anagrafe dell’edilizia scolastica: “Mancano ancora l’8% dei dati e quelli delle certificazioni non sono ancora stati resi noti”. Il dossier, che presenta i dati raccolti in 150 scuole di dieci regioni diverse, ci racconta di un’Italia impreparata al terremoto dove una scuola su tre si trova in zona sismica ma solo l’8% di circa 25.532 edifici (più della metà del patrimonio nazionale) è stata progettata secondo la normativa antisismica; un Paese dove gli impianti elettrici conformi alle regole sono solo in un’aula su quattro e dove mancano ancora carta igienica e sapone nei bagni.

Rischio sismico
A livello nazionale il 54% delle scuole si trova in zona sismica e quasi il 30% degli istituti è nella fascia uno e due, le più pericolose. Eppure il certificato di vulnerabilità sismica è registrato, secondo i dati riportati dalla fonte ministeriale, solo nel 9% degli edifici. Nonostante ciò una scuola su sei presenta uno stato di manutenzione del tutto inadeguato e una scuola su quattro ha chiesto interventi di tipo strutturale che quasi in un caso su tre non sono mai stati effettuati.

Le denunce dei responsabili del servizio di protezione e prevenzione o dei dirigenti sembrano cadere nel vuoto visto che l’81% di loro ha chiesto all’ente proprietario della scuola un intervento ma in un caso su quattro non è stato fatto. Nemmeno sul piano della prevenzione sembra funzionare tutto alla perfezione: il piano di emergenza, utile alla gestione dell’emergenza, in Abruzzo è stato fatto solo nel 27,18% delle scuole e in Calabria l’informazione risulta persino assente.

Formazione del personale
Di fronte a questo quadro dovremmo almeno avere docenti e collaboratori scolastici preparati ma non è così. Cittadinanzattiva mette il dito nella piaga: i corsi sulla sicurezza vengono fatti solo nel 64% dei casi così come quelli per la prevenzione incendi. Migliora il dato per quanto riguarda quelli sulle prove di evacuazione arrivando al 79% ma “queste attività – spiega il rapporto – vengono seguite sempre più di malavoglia da parte dei destinatari a causa di una proposta estremamente generica e tagliata sui luoghi di lavoro in generale e meno sulla scuola”.

Sicurezza interna
La situazione non va meglio all’interno degli edifici. Nel 28% delle scuole a più piani, non sono presenti le scale di sicurezza. Mancano le porte anti panico nell’82% dei bagni, nell’80% delle aule e delle biblioteche, nel 37% delle mense e nel 33% delle palestre. Unica nota positiva la presenza in tutte le scuole degli estintori.

Le barriere restano
E’ una battaglia impossibile da vincere. Per i ragazzi disabili la scuola resta inaccessibile. Solo il 23% degli edifici su più piani dispone di un ascensore e quando è presente in una scuola su quattro non è funzionante. Ci sono barriere architettoniche nel 35% delle biblioteche, nel 28% dei bagni, nel 14% delle mense e nel 78% delle aule non c’è spazio sufficiente per consentire il movimento di una carrozzina.

I problemi di sempre
Restano infine le questioni gravi e irrisolte tanto da sembrare “normali”. La prima: il problema delle certificazioni posto all’attenzione della Madia visto che il loro rilascio e l’accessibilità a questi dati riguarda l’intera pubblica amministrazione. Solo il 32% (il 3% in meno del 2015 e del 2014) delle scuole del campione monitorato ha il certificato igienico sanitario mentre quello di agibilità lo possiede il 35% degli istituti. In alcune regioni il dato richiesto non viene fornito oppure dichiarano di non avere la certificazione: è il caso della Calabria dove unendo le due voci si arriva al 94,14%.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, l’istituto ha i conti in rosso: per vedere i voti degli alunni i genitori devono pagare

next
Articolo Successivo

Mense scolastiche, “a Milano bimbi allontanati dai compagni perché muniti di pasto da casa”. Scontro Comune-Regione

next