“Noi non parliamo di esteri, ma di grandi questioni globali che ci riguardano da vicino, come la strage avvenuta il 23 luglio scorso a Baghdad, passata nel silenzio totale dell’informazione e che noi siamo stati gli unici a raccontare”. E’ tutto pronto per la nuova stagione di Piazzapulita, trasmissione condotta da Corrado Formigli in onda con la prima puntata giovedì 22 settembre, su La7 alle 21,05 (con 176 puntate finora è il talk show più longevo della rete di Cairo). Questa mattina, a Roma, in conferenza stampa Formigli ha presentato le novità del format, tra cui “l’ingresso della satira con il TgPorco di Sabina Guzzanti” e grande attenzione ai temi della corruzione, “con il lavoro di una squad-crime, una squadra di inviati che farà inchieste focalizzate sulla lotta alla corruzione, a cominciare dal comportamento di ogni singolo cittadino, non solo della casta dei politici”, ha spiegato il conduttore. “A me interessa raccontare la realtà – ha ribadito Formigli – non voglio che il nostro pubblico si chieda quali siano gli ospiti della puntata del giorno, ma quali argomenti trattiamo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Cacciari: “Se fossi Renzi, non farei parlare la Boschi ma gente autorevole”

prev
Articolo Successivo

Lite De Girolamo (Fi) – Morani (Pd): “Mi sembri una scema, gallina da studio”. “Fai solo demagogia”

next