Gli uomini possono soffrire, più spesso di quanto si pensi, di un calo del desiderio sessuale. Che, però, è possibile curare attraverso l’esposizione a luce intensa, che aumenta i livelli di testosterone e porta a un maggior benessere, come dimostrato da uno studio italiano presentato alla conferenza dell’European College of Neuropsychopharmacology a Vienna.

Il basso desiderio sessuale colpisce un numero significativo di uomini dopo i 40 anni: fino al 25% segnala problemi di diverso tipo ed entità a seconda dell’età e di altri fattori. Gli scienziati avevano precedentemente notato che l’interesse sessuale varia a seconda delle stagioni, portando all’idea che i livelli di luce nell’ambiente possano contribuire al desiderio sessuale.

Un gruppo di scienziati dell’Università di Siena ha testato quindi le risposte sessuali e fisiologiche alla luce scoprendo che l’uso regolare, di prima mattina, di una scatola luminosa – simile a quella già impiegata per combattere il disturbo affettivo stagionale – ha portato a un aumento dei livelli di testosterone e dunque a una migliore soddisfazione sessuale.

La verifica, attraverso un trial randomizzato contro placebo, è stata portata avanti dal team guidato da Andrea Fagiolini su 38 uomini in terapia presso il dipartimento di Urologia dell’ateneo toscano per una diagnosi di disturbo da desiderio sessuale ipoattivo o dell’eccitazione sessuale. “Abbiamo rilevato differenze abbastanza significative fra coloro che hanno ricevuto il trattamento con luce attiva – spiega l’esperto – e i soggetti di controllo. Prima del trattamento, i due gruppi avevano in media un punteggio di soddisfazione sessuale di circa 2 su 10; dopo il trattamento chi è stato esposto alla luce ha ottenuto un punteggio di circa 6,3 che corrisponde a un aumento di più di 3 volte. Al contrario, il gruppo di controllo ha mostrato un punteggio medio di solo 2,7″.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sla, i passi avanti della ricerca con proteine, staminali e geni. E grazie all’Ice bucket challenge raccolti 2,4 milioni

next
Articolo Successivo

Inventa una connessione a banda ultra larga laser, sedicenne italiano premiato da Commissione Ue

next