Carlo Monaco soffre di anoressia nervosa, Luigi Mantuano di attacchi di panico. Il THC è la loro medicina, il diritto alle cure una missione di vita. Perciò hanno scelto di aprire un Canapa caffè, il primo della Capitale, a San Lorenzo, il quartiere operaio devastato dai bombardamenti alleati. Per sfidare le regole zoppe e servire la cura ai “pazienti” dal bancone del bar (leggi la storia di Carlo e Luigi – di Paolo Dimalio) Il Parlamento attende la legge sulla liberalizzazione, ma la discussione, calendarizzata a settembre, è già stata rinviata. Intanto, a ottobre, Carlo e Luigi inaugureranno la prima “sala terapia” per le cure con la cannabis. Ci sarà un presidio medico e telecamere h24. Ma il rischio è alto, l’assunzione di farmaci con THC al di fuori delle mura domestiche è reato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, il Belgio non gira la testa dall’altra parte, perché l’Italia sì?

next
Articolo Successivo

Eutanasia sui minori, se sedici anni vi sembran pochi

next