Allo spazio Megawatt di Milano Stefano Parisi sta celebrando la propria convention “Energie per l’Italia” per lanciare una nuova aggregazione capace di raccogliere i moderati di centrodestra sotto un’unica bandiera. Tra le centinaia di partecipanti non è mancata qualche volto noto della vecchia politica. Tra gli altri ha fatto capolino anche Claudio Scajola che ha inscenato un siparietto con l’amica Tiziana Maiolo. Baci e abbracci e una confessione: “Le bastonate mi hanno fatto bene, ma poi abbiamo vinto 6 a 0”, il riferimento è alle note vicende giudiziarie che lo hanno coinvolto. Poi, riferendosi a Parisi: “Questa è la nostra ultima speranza, non capisco quelli che lo osteggiano”, la Maiolo gli fa eco: “Tutta invidia, sono infantili, l’asilo Mariuccia”… poi, rivolto alla stampa, l’ex ministro sentenzia: “E’ la cosa migliore che Berlusconi abbia fatto negli ultimi anni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, il Pd davanti al M5s di 4 punti. Sul referendum avanti di poco il fronte del SI, ma il 24% è ancora indeciso

next
Articolo Successivo

Carlo Azeglio Ciampi morto, per Salvini “è stato un traditore come Napolitano e Prodi”. Grasso: “Sciacallo”

next