L’ipocrisia atavica di questo paese si capisce anche dalle piccole cose. Per esempio dalla vicenda Di Canio. Ho molta stima di Sky Sport e quindi anche di Sky Calcio. C’è gente bravissima, da Bonan a Compagnoni, da Porrà a Condò, da Adani alla Leotta. Eccetera eccetera. Fanno programmi straordinari. Certo, c’è anche Caressa, da sempre macchietta egoriferita e inutilmente enfatica, ma non si può avere tutto.

Torniamo a Di Canio. Ora: tutti, nel mondo, sanno che Paolo Di Canio è un fascistone che in confronto la buonanima di Farinacci era gramsciana. Lo si è sempre saputo. Di Canio ha rilasciato interviste, scritto libri, raccontato dei busti del Duce e della sua bizzarra idea di storia. Lo sapevano t-u-t-t-i. Eppure, fino a ieri, Di Canio era a Sky. Ed era giusto che fosse, perché a) conosce il calcio, soprattutto quello inglese, come pochi, b) sa fare televisione, c) sa essere cazzaro e prendersi in giro, che nella vita fa sempre comodo e nel calcio ancora di più. Non era il Dio in terra, e nelle telecronache era costantemente orgasmico come un procione ninfomane, ma in tivù sapeva e sa stare.

E invece che succede? Succede che il da sempre fascistissimo Di Canio, con quel suo lato dominante tamarro, va in onda a maniche corte mostrando un tatuaggio fascista come lui. Apriti cielo: polemiche, scandali e poi licenziamento. Per carità, se è un licenziamento per scarso senso estetico siamo d’accordo, ma essendo un allontanamento legato al tatuaggio littorio – che quelli di Sky avevano visto anche alla firma del contratto – mi viene molto da ridere. Dov’è la novità? Di Canio era così anche prima.

È però qui che esplode la solita ipocrisia nostrana: puoi essere fascista o quel che volete, l’importante è che tu non me lo dica. L’apologia di fascismo sarebbe reato, secondo una disposizione transitoria e finale (la dodicesima)”parecchio disattesa, ma fino a ieri il balilla Di Canio poteva serenamente esserlo. Anche in tivù. Adesso no, perché si è dimenticato di mettere la giacca. Non è un problema di ideologia, ma di cravatta. Welcome to Italy.

P.S. A margine: preferisco un commentatore fascista ma competente, che il solito pretino democristiano secchione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paolo Di Canio cacciato da Sky dopo la polemica sul suo tatuaggio fascista (che però è lì da anni) – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Europa League: tocca a Roma, Inter, Fiorentina e Sassuolo. In palio 30 milioni, a patto di snobbare la ‘coppetta’

next