Da un lato la Corea del Nord, che pretende di essere riconosciuta dagli Stati Uniti come “potenza nucleare“; dall’altro la Corea del Sud che annuncia di aver pronto un piano per “ridurre in cenerePyongyang. L’atmosfera a cavallo del 38esimo parallelo, due giorni dopo il quinto test atomico lanciato da Kim Jong-un, resta molto tesa.

“Il presidente Obama fa di tutto per negarci lo status strategico nucleare della nostra repubblica, ma è un atteggiamento stupido cercare di oscurare il sole con il palmo di una mano”: così ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri della Corea del Nord. Di qui, dunque, la richiesta a Washington di vedersi legittimati nel novero delle potenze nucleari su scala mondiale. Lo stesso diplomatico nordcoreano ha poi spiegato che il test atomico di venerdì era parte della controffensiva del regime in risposta alla “minaccia della guerra nucleare” e alle sanzioni imposte sul Paese. Nel comunicato, diffuso dall’agenzia di stampa locale Kcna, si difende il diritto della Corea del Nord a salvaguardare la sua sovranità e il suo “diritto alla sopravvivenza“, nonché alla necessità di rispondere alla minaccia e alle provocazioni degli Stati Uniti. “Continueremo a rafforzarci – prosegue la nota – come nazione nucleare per difendere la nostra autentica pace, la nostra dignità e il diritto alla vita”.

A rispondere, seppur indirettamente, all’offensiva diplomatica della Corea del Nord, è arrivato l’annuncio di una fonte militare di Seul. “Tutti i quartieri di Pyongyang, soprattutto in quelli in cui può essere nascosto il leader nordcoreano, saranno completamente distrutti da missili balistici e missili ad alto potere esplosivo nel caso in cui la Corea del Nord mostri segnali di voler usare l’arsenale nucleare”. Poi la sintesi brutale, quasi a voler fugare ogni dubbio: “In altre parole, la capitale nordcoreana sarà ridotta in cenere e cancellata dalle mappe“. In caso di ulteriori minacce da parte di Kim Jong-un, fa il ministero della Difesa sudcroeano, Seul è pronta a dispiegare i suoi missili balistici Hyunmoo 2A e 2B, con un raggio di 300 a 500 chilometri e i suoi missili da crociera Hyunmoo 3, il cui raggio è di mille chilometri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

11 settembre, a Ground Zero la cerimonia di commemorazione a 15 anni dall’attentato

prev
Articolo Successivo

Milioni di pellegrini musulmani alla Mecca per l’Hajj, il pellegrinaggio annuale

next