“Non sono social, perché sono incapace. Non sono mai riusciuto in questi anni ad appassionarmi ai social network e non capisco perché non ci si debba mettere la faccia quando si scrive qualcosa. Ci sono troppi codardi“. Questa la confessione del direttore de il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, durante il dibattito “Social pirla” alla festa del Fatto Quotidiano alla Versiliana moderato da Alessandro Ferrucci al quale hanno preso parte Andrea Scanzi e Pietrangelo Buttafuoco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Webeti, come difendersi? Scanzi: “Ci vuole un fisico bestiale, oltre all’autoironia”

next
Articolo Successivo

Sallusti e la crociata anti-web: ‘Che diavolo ce ne facciamo di Internet?’

next