Titolare di un assegno sociale e, al contempo, proprietaria di un tesoretto in Svizzera. Questa, stando alle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, è la storia di una ottantenne residente a Gallarate, in provincia di Varese. La donna avrebbe infatti percepito, a partire dal 2004, un sostegno pubblico pari a circa 90mila euro. Grazie alla collaborazione con l’Inps della Regione Lombardia, però, le Fiamme Gialle hanno potuto incrociare i dati fiscali sulla donna: e da queste verifiche è emerso – si legge nel comunicato dei finanzieri – che la donna ha presentato una domanda di “voluntary disclosure”, la richiesta di collaborazione volontaria per far rientrare legalmente i soldi detenuti all’estero. Per una cifra notevole: circa un milione di euro. Dunque l’anziana “non versava in condizioni economiche disagiate”. E non soddisfatta dell’assegno sociale riscosso in questi dodici anni, l’ottantenne avrebbe fatto inoltre richiesta di circa 2.500 euro per il fondo di sostegno affitto erogato dalla Regione Lombardia e dal Comune di Gallarate.

Insieme alla donna, dovranno rispondere di “indebita percezione di erogazione a danno dello Stato” (per una somma che supera i 100mila euro) anche due uomini albanesi, da tempo non più residenti in Italia. Anche loro, infatti, avrebbero ottenuto illecitamente contributi per prestazioni sociali destinati ai cittadini in difficoltà economica. Per tutti e tre tre è dunque scattata la segnalazione all’Inps, alla Regione Lombardia e al Comune di Gallarate, così da provvedere all’immediato blocco delle erogazioni e al recupero degli importi indebitamente percepiti. Le sanzioni amministrative inflitte ammontano a circa 40mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco: “Ascoltiamo il grido della terra, distesa di sporcizia. Cambiamenti climatici causano migranti forzati”

prev
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, il Fatto Quotidiano sostiene Amatrice: già 120mila euro raccolti per la scuola

next