Emanuele Sirolli, psicologo-volontario che opera nel centro di accoglienza per terremotati a Pescara del Tronto, frazione di Arquata (Ascoli Piceno) spiega quale è l’approccio da utilizzare nei confronti dei bambini che si ritroveranno a scuola tra qualche giorno e dovranno fare i conti con la scomparsa di qualche compagno di scuola: “Sicuramente i bambini soffrono del trauma, devono sapere quello che succede, prima o poi comunque verranno a sapere della morte della loro compagna – spiega -, probabilmente devono saperlo gradualmente ma non esiste una regola scritta, molto fa la rete sociale di appartenenza, che elabora la mancanza assieme ai bambini, per questo è importante stimolare il senso di comunità”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, proiettile della Seconda guerra mondiale esplode in un garage: 2 morti

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, il costruttore: “Scuola crollata? Nessuno mi ha chiesto l’adeguamento sismico”

next