Emanuele Sirolli, psicologo-volontario che opera nel centro di accoglienza per terremotati a Pescara del Tronto, frazione di Arquata (Ascoli Piceno) spiega quale è l’approccio da utilizzare nei confronti dei bambini che si ritroveranno a scuola tra qualche giorno e dovranno fare i conti con la scomparsa di qualche compagno di scuola: “Sicuramente i bambini soffrono del trauma, devono sapere quello che succede, prima o poi comunque verranno a sapere della morte della loro compagna – spiega -, probabilmente devono saperlo gradualmente ma non esiste una regola scritta, molto fa la rete sociale di appartenenza, che elabora la mancanza assieme ai bambini, per questo è importante stimolare il senso di comunità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, proiettile della Seconda guerra mondiale esplode in un garage: 2 morti

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, il costruttore: “Scuola crollata? Nessuno mi ha chiesto l’adeguamento sismico”

next