In principio fu “la madre di tutte le battaglie“. Con l’inevitabile conclusione che “se perdo vado via subito e non mi vedete più”. Promessa ribadita da Matteo Renzi in decine di occasioni pubbliche, accompagnata da diverse declinazioni del concetto “io non sono come gli altri, non resto aggrappato alla poltrona” (l’ultima: “non sono un pollo da batteria come loro”). Sulla stessa linea, pur con qualche oscillazione, il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. Ora però il premier fa inversione a U e lascia intendere che comunque andranno le cose alle urne resterà in sella con un nuovo incarico o come regista di un “governo di scopo” con cui traghettare il Paese fino alla fine naturale della legislatura nel 2018. In otto mesi, segnati dal risultato deludente delle amministrative, dall’avanzare del “no” nei sondaggi e dagli allarmi della stampa internazionale sul rischio di instabilità politica, la strategia del segretario del Pd è cambiata di 360 gradi. Ecco la cronistoria.

Matteo Renzi, 29 dicembre 2015, conferenza stampa di fine anno: “Se perdo il referendum considero fallita la mia esperienza politica”.

Renzi, 10 gennaio 2016, intervista al Tg1“Il referendum non è un plebiscito ma è giusto che la parola passi ai cittadini. Per anni la classe politica non ha fatto niente. Adesso è arrivato un governo nuovo che ha cercato di realizzare alcune cose. Se sulla madre di queste battaglie, che è la riforma costituzionale, i cittadini non sono d’accordo, hanno tutto il diritto di dirlo ed io ho il dovere di prenderne atto. Non sono un politico vecchia maniera che resta attaccato alla poltrona: io penso che si faccia politica per seguire un ideale. Io penso che gli italiani staranno dalla nostra parte, ma la parola finale ce l’hanno loro e io sono pronto ad assumermi le mie responsabilità”. 

Renzi, 20 gennaio, in Aula al Senato per il voto sulle riforme: “Ripeto qui: se perdessi il referendum considererei conclusa la mia esperienza perché credo profondamente nel valore della dignità della cosa pubblica”.

Renzi, 25 gennaio, intervista a Quinta Colonna: “Io non sono come gli altri, non posso restare aggrappato alla politica. Se sulle riforme gli italiani diranno di no, prendo la borsettina e torno a casa“.

Renzi, 7 febbraio, alla scuola di formazione del Pd: “Se perdo al referendum prendo atto del fatto che ho perso. Dite che sto attaccato alla poltrona? Tirate fuori le vostre idee, ecco la mia poltrona”. 

Renzi, 12 marzo, alla scuola di formazione del Pd: “Se perdiamo il referendum è doveroso trarne conseguenze, è sacrosanto non solo che il governo vada a casa ma che io consideri terminata la mia esperienza politica”.

Renzi, 20 marzo, al congresso dei Giovani Democratici: “Io ho già la mia clessidra girata. Se mi va come spero, finisco tra meno di 7 anni. Se mi va male, se perdo la sfida della credibilità o il referendum del 2016, vado via subito e non mi vedete più. Ci hanno detto che siamo attaccati alle poltrone, ma noi siamo attaccati alle idee: non c’e’ un leader che resta per sempre”. 

Renzi, 18 aprile, al Tg1: “La domanda di ottobre non riguarda il governo ma riguarda se si vuol cambiare la Carta e rendere piu’ semplice la politica. Se noi saremo bravi a spiegare le nostre ragioni otterremo un consenso ma il voto sulla persona non c’entra niente. Certo io se perdo vado a casa”. 

Maria Elena Boschi, 27 aprile, intervista a Otto e Mezzo: “Si voterà sul merito delle riforme: i cittadini sceglieranno su queste e molti si stanno formando un’opinione. Sono altri che cercano di trasformarlo in un referendum sul governo. Renzi ha solo detto: ‘se perdiamo andiamo a casa’. Ma questo e’ un segnale di serietà. Se un governo ha avuto il mandato da Napolitano a fare le riforme” se queste poi non passano “è normale che prenda atto di questo voto. E’ un atto di serietà”.

Renzi, 28 aprile, diretta Facebook e Twitter #Matteorisponde: “Io sono tra i pochi politici che dico quando perdo che ho perso. Altri quando perdono spiegano che hanno vinto. Se il referendum vedrà sconfitto il si trarrò le conseguenze. So da dove vengo e so che la politica è servizio. Sto personalizzando? No, se perdi una sfida epocale che fai? Racconti che i cittadini hanno sbagliato? No hai sbagliato tu”.

Renzi, 2 maggio: “La rottamazione non vale solo quando si voleva noi…. Se non riesco vado a casa” (Ansa)

Renzi, 4 maggio, a Rtl 102.5: “Meno politici, più chiarezza nei poteri delle regioni, un’Italia più semplice: non è la mia riforma ma quella che l’Italia aspettava da 30 anni. Per attaccare il governo si dice di discutere nel merito e io sono per parlarne nel merito. Ma se perdo non resto come i vecchi politici aggrappato alla poltrona. Non sono come i vecchi politici che si mettono il vinavil e che invece di lavorare restano attaccati alla poltrone”.

Renzi, 8 maggio, intervistato da Fabio Fazio a Che tempo che fa: “Se io perdo, con che faccia rimango. Ma non è che vado a casa, smetto di fare politica. Non è personalizzazione ma serietà. Lo so che si aggrappano alla poltrona ma non posso fare finta di niente”.

Renzi, 11 maggio: “Non sto in paradiso a dispetto dei santi. Se perdo, non finisce solo il governo ma finisce la mia carriera come politico e vado a fare altro” (Ansa)

Renzi, 18 maggio, #Matteorisponde: “Quando provo a entrare nel merito, mi dicono che ho personalizzato il referendum. Ma io ho detto che se perdo non è che posso fare la faccia contrita e dire schiarendomi la voce che dopotutto è stato un buon risultato. Io cerco di vincere, sempre, quando perdo, talvolta mi è accaduto come alle primarie del 2012, ammetto la sconfitta”.

Renzi, 21 maggio, a L’Eco di Bergamo: “Se lo vinciamo, l’Italia diventerà un paese più stabile. Se lo perdiamo, vado a casa. Per serietà. Non resto aggrappato alla poltrona. Questa è personalizzazione? No. Questa e’ serietà”.

Boschi, 22 maggio, a In mezz’ora: “Se il referendum dovesse andare male non continueremmo il nostro progetto politico. Il nostro piano B è che verranno altri e noi andremo via”. “Anche io lascio se Renzi se ne va: ci assumiamo insieme la responsabilità. Abbiamo creduto e lavorato insieme ad uno stesso progetto politico”.

Ernesto Carbone, membro segreteria Pd – 22 maggio: “Non si lascia la politica se vince il no per fare un dispetto, non si scappa con la palla in mano. E’ una questione di serieta’, banalmente”. “Io ho preso l’impegno di cambiare questo Paese ed è giusto che, se non lo mantengo, vada a casa. Non la vedrei come una personalizzazione del referendum ne’ un ricatto”. (Ansa)

Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali – 29 maggio, intervista a Repubblica: Il ritiro in caso di vittoria del no “mon è una minaccia, non è una personalizzazione. A me sembra una con-sta-ta-zio-ne. Questo governo, ed è agli atti, nasce per fare le riforme. Se le riforme non si fanno chiude bottega il governo e chiude anche la legislatura, mi pare ovvio. Anche perché non stiamo scegliendo tra due riforme diverse, che è il tema più surreale usato da alcuni costituzionalisti. Stiamo scegliendo tra la riforma e niente”.

Renzi, 29 giugno, e-news: “In tanti stanno cercando di non parlare del merito del referendum. Fateci caso: vanno in tv e non parlano del merito, perché sul merito sanno che la riforma non è perfetta ma è un passo in avanti nella direzione attesa da decenni. No, loro non parlano di merito. Parlano di me. Dicono che io ho sbagliato a dire che se perdo vado a casa: e secondo voi io posso diventare un pollo da batteria che perde e fa finta di nulla? Pensano forse che io possa diventare come loro?”. 

Renzi, 15 luglio, e-news: “Ogni giorno che passa diventa piu’ chiaro che il referendum è sulla Costituzione, sul funzionamento del Parlamento e non su altro: questo ci aiuta molto a crescere nei consensi, coinvolgendo anche persone che magari non sono del Pd o mie sostenitrici ma che capiscono la rilevanza storica di questo passaggio per l’Italia”.

Renzi, 2 agosto, intervista a Cnbc: “Sono sicuro che vincerò il referendum, ma non perché questa sarebbe la mia vittoria, non è il referendum di Renzi”. Si dimmetterà se perde? “Vincerò”.

Renzi, 21 agosto, Versiliana: “Si vota nel 2018”. Comunque vada il referendum? “Sì, si vota nel 2018”.