Venti tonnellate di lastre di amianto abbandonate a margine del Parco del Conero sono state sequestrate dagli agenti del Corpo forestale dello Stato, in un’area rurale di proprietà di Autostrade per l’Italia nella zona industriale di Numana, nei pressi di un fosso di scolo, nascoste nella vegetazione. Le analisi dell’Arpam “hanno accertato che si tratta di un ingente quantitativo di amianto del tipo crisotilo, dannosissimo per la salute umana e per l’ambiente, anche perché le lastre erano usurate e le fibre avevano già contaminato il terreno”. In base al Codice dell’Ambiente, la procura della Repubblica di Ancona ha aperto un fascicolo di indagine a carico di ignoti per i reati di abbandono e gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi. Sul terreno contaminato è in corso la bonifica a cura della Società Autostrade “che si è fatta carico anche delle spese per la rimozione del carico”. Se verranno individuati, i responsabili dell’inquinamento rischiano una condanna da sei mesi a due anni di reclusione e un’ammenda fra 2.600 e 26.000 euro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anche i pesci sono esseri senzienti, emotivi, socialmente complessi. Stop alla pesca intensiva

next
Articolo Successivo

In volo con gli Ibis eremita che seguono il deltaplano. “Gli insegniamo a migrare, non sparate”

next