Sono sempre di più i cacciatori italiani protagonisti di atti di bracconaggio all’estero. L’ultimo episodio è accaduto in Serbia e sta diventato un caso sulla stampa locale sia per la gravità delle condotte che per uno dei protagonisti: Gabriele Cimadoro, ex parlamentare della Repubblica, prima con Ccd poi con Idv, ex sottosegretario con il governo D’Alema e cognato dell’ex leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro. Il personaggio era insieme ad altri tre uomini in un villaggio serbo, quasi al confine con la Romania, a cacciare uccelli. Peccato che lo stesse facendo tramite l’utilizzo di richiami acustici vietati in tutto il mondo. Scoperto dagli ambientalisti di Birdlife Serbia è stato subito denunciato alle autorità, ma l’ex politico non ha gradito tant’è che ha aggredito i volontari dell’associazione ecologista. Una volta arrivata la polizia all’uomo è stata fatta una multa. Intervistato dall’Eco di Bergamo, ha detto: “Si stanno inventando tutto. Ho solo preso una multa per l’utilizzo di richiami acustici”. Il caso è stato sollevato in Italia dal Wwf che ha commentato: “La tutela dell’avifauna migratoria non ha confini. Grazie all’attività dei volontari che in tutta Europa vigilano per il rispetto delle Convenzioni Internazionali, proteggendo un patrimonio di tutti i cittadini che i bracconieri, soprattutto italiani, tendono a considerare cosa loro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forum Sociale Mondiale /1 – Il passaggio di testimone

next
Articolo Successivo

Mare, Goletta Verde: “Sulle coste italiane un punto inquinato ogni 54 chilometri”

next