Il Ddl Taverna (S. 998) sullo screening neonatale è legge, l’approvazione definitiva è arrivata ieri con il voto in terza lettura al Senato. Capite bene che trattasi di episodio imbarazzante per i cultori di uno dei luoghi comuni fondamentali sui pentastellati, quello che recita: “M5S è solo protesta senza proposta”. Ma niente paura, per rimediare al fattaccio è bastato ricorrere a uno dei dogmi fondamentali della disinformazione, quello che recita: “Molti lettori si fermano al titolo. Il titolo è più importante del testo dell’articolo”.

E così i titoli sul Ddl Taverna sono stati i seguenti:

Il Sole 24 Ore: “I malati rari: «Legge su screening neonatali grande conquista. Ora accelerare su attuazione e corretto uso dei fondi»” (Dichiarazione di Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore Osservatorio Malattie rare); “Malattie ereditarie, ampliato lo screening neonatale”

La Repubblica: “Malattie rare, approvata la legge che estende gli screening neonatali”

Corriere della Sera: “Lo screening neonatale «allargato» si farà in tutte le regioni italiane”

Adnkronos: “Diventa obbligatorio lo screening neonatale per le malattie metaboliche”

Ansa: “Ok legge che estende screening neonatale a 40 malattie rare”

Askanews: “Screening neonatali, Lorenzin: legge giusta che ho sostenuto”

Panorama: “Sanità: screening neonatali malattie metaboliche diventano obbligatori” (Qui addirittura M5S e Paola Taverna non vengono nominati nemmeno nell’articolo)

C’è poi una carrellata di titoli Agenparl in cui politici di ogni colore si vantano e si compiacciono, ma andare avanti con l’elenco sarebbe superfluo, l’antifona l’avete capita: il tabù sulle parole innominabili nei titoli (“M5S” e “Paola Taverna”) è stato inviolabile.

L’unica eccezione di rilievo è Fanpage (“Screening neonatale obbligatorio, è la prima proposta targata M5S che diventa legge”), ma loro le simpatie della maggioranza se le erano già giocate con quel video impertinente sulle elezioni a Napoli.

Viene da chiedersi come titoleranno i giornali quando M5S vincerà le prossime elezioni politiche. Immaginiamo qualcosa del tipo “Parte nuovo governo senza ministri di centrosinistra e centrodestra” oppure “Il Pd non vince le elezioni, Renzi: una sconfitta giusta che ho sostenuto”.

Titoli dei siti Titoli dei siti Titoli dei siti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audiweb, ilfattoquotidiano.it quarto tra i quotidiani più letti anche a giugno 2016

next
Articolo Successivo

Renzo Arbore in Puglia, il palco è il suo vascello

next