“Sono soddisfatto per i risultati comunicati dall’Istat, con un aumento di 71mila posti di lavoro nell’ultimo mese che diventano 600mila da quando siamo al Governo”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha commentato i dati Istat prima della riunione con i sindacati su pensioni e lavoro. “I dati? Quando sono positivi, sono contenta” dichiara Annamaria Furlan, segretario generale Cisl. La leader della Cgil, Susanna Camusso, invece afferma: “Quando i dati della disoccupazione riprendono a crescere, le variazioni di unità di rapporti di lavoro non determinano un giudizio positivo, perché come diciamo da tempo – prosegue la Camusso – il tema della disoccupazione è quello vero da aggredire e che i nodi strutturali sono ancora molto profondi, anche perché si parla di investimenti, ma poi ben poca spesa pubblica c’è e quindi non si crea lavoro. Dopodiché il taglio delle stime di crescita – conclude – riguarda soprattutto chi aveva esagerato nell’ottimismo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corpo Forestale dello Stato, ufficiale il passaggio ai carabinieri. “Migliaia di ricorsi contro la militarizzazione”

prev
Articolo Successivo

Lavoro, ecco il portale che raccoglie gli annunci truffa “Disoccupati sono ormai un target commerciale da sfruttare”

next