Non più concorso esterno in associazione mafiosa, ma resta il voto di scambio. Cambiano le accuse nei confronti del consigliere regionale del Pd in Campania e ex presidente regionale del partito Stefano Graziano. La Direzione distrettuale antimafia di Napoli ha stralciato la posizione di Graziano dal fascicolo principale ed ha inviato gli atti alla procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) per la sola ipotesi di voto di scambio (non aggravato dalla finalità camorristica). La richiesta è stata firmata dai pm della Dda che conducono l’inchiesta, i sostituti D’Alessio, Giordano, Sanseverino e Landolfi coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli. L’ipotesi iniziale di concorso esterno si riferiva a presunti rapporti con l’imprenditore Alessandro Zagaria, ritenuto vicino all’omonima cosca affiliata al clan dei Casalesi.

C’è chi nel partito già esulta, come Francesco Nicodemo, esponente napoletano del Pd e ex membro della segreteria. Intanto però restano le accuse della Procura e le intercettazioni telefoniche. Nelle carte dell’inchiesta c’erano per esempio le conversazioni tra l’allora sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Maria Di Mauro e lo stesso Zagaria: “E già non sta bene perché dobbiamo portare a Graziano (Stefano), e tu non ti fai vedere!” dice l’imprenditore. Graziano si è sempre dichiarato estraneo ai fatti che gli sono stati contestati.

Graziano, poco dopo la perquisizione dell’abitazione e dei suoi uffici disposta dagli inquirenti, si presentò in procura, assistito dagli avvocati Michele Cerabona e Antonio Villani per rendere dichiarazioni. La sua posizione è stata stralciata da quella di altri indagati, tra cui lo stesso Zagaria e alcuni amministratori locali e funzionari del Comune di Santa Maria Capua Vetere, e i pm hanno disposto la trasmissione degli atti alla procura di Santa Maria qualificando diversamente i fatti come emerso dagli sviluppi dell’inchiesta. L’inchiesta si riferisce in particolare a presunti illeciti riguardanti la ristrutturazione dello storico palazzo sammaritano Teti Maffuccini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Regeni, in piazza a Roma per chiedere ancora la verità

prev
Articolo Successivo

Antimafia, una manifestazione in ricordo di Rita Atria e di tutti i testimoni di giustizia

next