Si è chiuso ieri sera il festival “Alta Felicità”, la tre giorni di concerti, campeggio e dibattiti in salsa No Tav che ha richiamato in Val di Susa migliaia di persone da tutta Italia. “Sembra di stare ai festival utopistici degli anni Settanta, ma con una maggiore consapevolezza e radicamento nel territorio, io nonostante tutto ho speranza”, racconta Eugenio Finardi che insieme a Vinicio Capossela, Nino Frassica, Subsonica, Rocco Hunt, 99 Posse ha risposto all’appello di Elio Germano e del movimento contro l’alta velocità esibendosi sul palco di Venaus. Un fesival a 360 gradi con mercatini a chilometro zero, campeggi liberi e incontri con ospiti tra cui Chef Rubio e il collettivo di scrittori bolognesi Wu Ming: “Qui in Valle è stata scardinata la trappola buoni contro cattivi e violenti contro nonviolenti – ha raccontato Wu Ming 1, alias Roberto Bui, che che ieri ha presentato il suo nuovo libro sul movimento No Tav (uscita prevista in autunno) – la trappola che aveva distrutto il movimento di Genova qui è stata evitata. Le tensioni ci sono, ma vengono superate in avanti”  di Simone Bauducco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ventimiglia, allarme bomba rientrato. Scattato dopo due telefonate anonime

prev
Articolo Successivo

Allarme bomba a Milano, pacco sospetto in metro: era scatola con circuiti

next