“Il patto del Nazareno? Non è mai morto”. Così la giurista e costituzionalista Lorenza Carlassare, ospite a In Onda Open su La7, risponde al conduttore David Parenzo, dopo che il Senato ha negato l’autorizzazione all’uso delle intercettazioni delle Olgettine contro Silvio Berlusconi. “Questi legami non sono mai morti, perché ancora oggi vengono riprodotte quelle proposte che erano berlusconiane. C’è una bella continuità. Inoltre – aggiunge la costituzionalista – c’è una cosa che mi lascia molto perplessa: se l’immunità serve a tutelare la funzione e non la persona, Berlusconi da cosa dovrebbe essere tutelato se non è più membro del Parlamento? Poi la professore Carlassare interviene sul combinato disposto tra legge elettorale e riforma costituzionale. “In questa maniera – spiega – viene indirettamente cambiata la forma di governo. La soglia del 40% è una soglia fittizia. C’è stata la furbata del ballottaggio che porta  a vincere anche col 25%. C’è quindi un’elezione diretta del premier cambiando pericolosamente la costituzione“. Lapidaria, poi, sulla domanda di Tommaso Labate che chiede: “Perché Napolitano dice che bisogna riflettere sulla legge elettorale? I maligni dicono perché altrimenti vincono i Cinque Stelle“. “E’ ovvio, non occorrono i crismi della costituzionalista, basta il panettiere”, risponde la Carlassare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costituzione, De Mita vs Morani: “Riforma per ridurre la spesa? Mistificazione meschina”

prev
Articolo Successivo

Riforme, Scanzi: “Boschi? A una così diciamo di scrivere la Costituzione. Anzi, se lo dice da sola”

next