Oltre 35mila venezuelani in una sola giornata hanno attraversato il confine con la Colombia per rifornirsi di generi di prima necessità, cibo e medicinali. Quella di Caracas, ormai, è un’emergenza che si aggrava col passare delle settimane. Già nei giorni scorsi il presidente chavista Nicolas Maduro – che ha soffocato più volte il malcontento nella repressione – aveva annunciato che produzione e distribuzione di generi alimentari e farmaci sarebbero passate nelle mani dell’esercito, mentre già da maggio gli scaffali dei supermercati erano vuoti.

E ora i venezuelani fanno la spola con la vicina Colombia per assicurarsi beni di prima necessità. In tanti, a bordo di camper, hanno guidato anche tutta la notte per fare rifornimento. Il confine era stato aperto anche lo scorso fine settimana, anche se il governo socialista di Maduro da un anno aveva chiuso tutti i valichi per reprimere il contrabbando lungo oltre duemila chilometri di confine. Il Paese è ormai affossato da un’inflazione a tre cifre e dal crollo verticale del prezzo del petrolio, che costituisce la principale entrata per le casse dello Stato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Nizza, minuto di silenzio sulla Promenade des Anglais: la folla canta la Marsigliese

next
Articolo Successivo

Turchia, Mogherini avverte Erdogan: “Niente Ue per paesi che applicano la pena di morte”

next