E’ stato picchiato selvaggiamente appena fuori da una discoteca, sotto gli occhi di decine di persone, aggredito e ferito davanti alla telecamera di un telefonino di uno degli amici dell’aggressore che ha ripreso ogni cosa per poi pubblicare il video su Youtube e postarlo su Facebook, probabilmente per vantarsi della bravata. Luca Isoni, 37 anni, disabile residente a Olbia, è stato vittima di un brutale pestaggio domenica mattina davanti alla discoteca “La Luna” di San Teodoro. L’uomo aveva raccontato di essere caduto dalla moto, ma quattro giorni dopo i familiari e le forze dell’ordine hanno scoperto la verità: un video che riprendeva tutte le fasi dell’aggressione era stato pubblicato sui social. “Mi hanno chiamato polizia e carabinieri dicendomi che Luca era stato picchiato – racconta all’Ansa il fratello e amministratore di sostegno, Manuel Isoni – Lui mi aveva detto di essere caduto dalla moto. Poi ho visto il video, solo una volta e mi è bastato. Ho subito riconosciuto Luca. C’è una persona, sedicente amico suo, che lo colpisce e lo lascia a terra privo di sensi. Vicino a lui ci sono altre persone, si sentono delle voci, ma nessuno fa niente. Luca ha riportato la frattura del ginocchio e diverse ferite. Abbiamo voluto rendere pubblica la storia per smascherare chi ha avuto il coraggio di aggredire senza una ragione mio fratello”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Meredith, Rudy Guede si laurea con 110 e lode. “Ha fatto un brillante corso di studi”

next
Articolo Successivo

Scontro treni in Puglia, pm: “I registri di una delle stazioni alterati in modo evidente modificando l’orario di transito”

next