L’Italia razzista viene allo scoperto su Twitter, dove da ore è presente nei trend delle discussioni l’hashtag #ioStoConAmedeo. Nato tra i difensori di Amedeo Mancini, l’aggressore di Emmanuel Chidi Namdi, il giovane nigeriano morto a Fermo, l’hashtag viene utilizzato da chi non condivide la ricostruzione dei fatti, soprattutto dopo l’esame dell’autopsia, ma sono anche numerosi i tweet indignati di chi critica le posizioni di coloro che lo usano per attaccare la vittima e sostenere l’omicida.

Per fortuna c’è anche chi si offende, si indigna, ricorda che a morire è stato l’immigrato, qualcuno che non segue la cronaca si chiede chi sia Amedeo. Dunque sulla vicenda non si placano le polemiche sui social, e su Facebook qualcuno arriva a scrivere: “Un italiano si difende e adesso è in carcere per omicidio e Alfano dà subito la pensione a vita alla moglie del nigeriano… poi dici che non sei razzista #iostoconamedeo“.

In un altro post è scritto: “L’autopsia sul nigeriano, dimostra che ha preso un solo pugno, la morte è avvenuta cadendo a terra, ha battuto la testa, è stato particolarmente sfortunato. L’ispezione sul corpo di Amedeo Mancini‬invece dimostra ciò che i testimoni dicono fin da subito, l’hanno colpito con un palo di ferro, preso a calci e pugni, addirittura è stato morsicato dalla vedova. Se non è legittima difesa questa, vuol dire che in questo paese, se vieni aggredito da immigrati, non puoi far altro che subire e tacere. #IoStoConAmedeo.

Su twitter #ioStoConAmedeo veicola la solidarietà verso l’aggressore, chiedendo la “legittima difesa”, e le accuse ai media di strumentalizzare la vicenda. Ma qualcuno scrive anche “questo di #ioStoConAmedeo è un tornante oltrepassato il quale non si torna indietro. Meglio così che escano allo scoperto. Pietà l’è morta”.  Vai allo storify con i tweet più salienti della discussione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fermo, autopsia sul corpo di Emmanuel: la caduta causata dal pugno è stata fatale

next
Articolo Successivo

Caserta, “ti faccio vedere come ti sparo”: preme il grilletto e uccide l’amico durante un gioco finito male

next