Nuovo attentato in Bangladesh.  Un commando armato è entrato in azione a Kishoreganj, nel centro del Paese, dove si erano riuniti 300 mila fedeli per celebrare la festa di Id al-Fitr, che segna la fine del Ramadan. Il raduno è stato interrotto da diverse esplosioni e dagli spari dei terroristi, avvenuti vicino al luogo di preghiera. A quanto si è appreso, uno dei membri del commando ha lanciato un ordigno che è esploso davanti al locale liceo Azim Uddin, vicino ad un reparto di agenti di polizia causando 4 morti e 13 feriti. Tra le vittime risultano due agenti di polizia, una donna e uno dei terroristi.

A seguito dell’esplosione si è prodotto uno scontro a fuoco fra i miliziani e le forze di sicurezza in cui è morto, a quanto sembra, uno dei membri del gruppo di fuoco. A causa dello scoppio e degli spari, migliaia di fedeli che erano impegnati nelle preghiere si sono dati alla fuga terrorizzati. Il nuovo attentato è avvenuto a meno di una settimana dall’attacco ad un ristorante di Dacca, rivendicato dall’Isis, in cui sono stati uccise 20 persone, fra cui 9 italiani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

In 8 ballano su piattaforma aerea in Messico: gru non regge il peso e crolla. Tre feriti

next
Articolo Successivo

Minnesota, polizia uccide afroamericano. La fidanzata filma tutto. Proteste davanti alla residenza del governatore

next