BUFFON675BUFFON  In Spagna e Germania si chiederanno a lungo come ha fatto a prendere il tiro di Piquè e la spizzata di Chiellini in anticipo su Mueller, al quale para anche il rigore. Leader vocale, nello spogliatoio e in campo, a 38 anni ha dimostrato ancora una volta d’essere uno dei più forti del mondo. Chiude tra le lacrime e gli abbracci ai tifosi alla ripartenza da Montpellier. VOTO: 8

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Portogallo in semifinale senza mai vincere: il controsenso di un torneo con poca logica

next
Articolo Successivo

Portogallo-Francia 1-0, lusitani campioni d’Europa. Il pagellone: il migliore è Eder, malissimo Pogba

next