BUFFON675BUFFON  In Spagna e Germania si chiederanno a lungo come ha fatto a prendere il tiro di Piquè e la spizzata di Chiellini in anticipo su Mueller, al quale para anche il rigore. Leader vocale, nello spogliatoio e in campo, a 38 anni ha dimostrato ancora una volta d’essere uno dei più forti del mondo. Chiude tra le lacrime e gli abbracci ai tifosi alla ripartenza da Montpellier. VOTO: 8

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Portogallo in semifinale senza mai vincere: il controsenso di un torneo con poca logica

next
Articolo Successivo

Portogallo-Francia 1-0, lusitani campioni d’Europa. Il pagellone: il migliore è Eder, malissimo Pogba

next