Migliaia di persone in piazza contro la Brexit. Una grande manifestazione ha attraversato il centro di Londra, nel giorno in cui un sondaggio ha rivelato che il 5% dei sostenitori del ‘Leave’ ha cambiato idea. Tra i più contrari all’uscita del Regno Unito dall’Unione europea ci sono gli scozzesi. Non a caso, la premier di Edimburgo Nicola Sturgeon ha detto che “la Scozia avrà un ruolo in un’Europa più forte”, alimentando le voci su un nuovo referendum per l’indipendenza scozzese da Londra.

Durante la “Marcia per l’Europa“, i dimostranti hanno esibito bandiere dell’Ue, nonché cartelli su cui si leggeva “Bremain” e “Amiamo l’Ue”. La manifestazione è stata organizzata tramite social network, è partita dalla zona di Park Lane e arrivata alla piazza del Parlamento. “Saremmo pronti ad accettare il risultato del referendum se la partita fosse stata combattuta in modo onesto – ha detto l’attore Mark Thomas, organizzatore dell’evento – Ma c’è stata troppa disinformazione”. Analoghe manifestazioni sono state organizzate in altre città del paese.

Intanto, nel Paese si registra il pentimento dei brexiters: il 5% dei britannici che hanno votato ‘Leave’ al referendum sulla Brexit ha cambiato idea. Il dato è rivelato da un sondaggio Ipsos Mori citato dalla Bbc. La percentuale di chi farebbe la scelta opposta si abbassa al 2% tra chi ha invece scelto di rimanere nell’Unione europea. Il 42% degli interpellati, incluso il 18% dei ‘brexiters’, sostiene che la Gran Bretagna deve continuare ad accogliere i cittadini europei in cambio dell’accesso al mercato unico. Per il 38%, invece, uscire dal mercato unico è un prezzo che vale la pena pagare per ridurre i numero di migranti nel Regno.

E la partita sulla Brexit si gioca anche a Edimburgo, che punta all’indipendenza dal Regno Unito per rientrare nell’alveo dell’Unione europea. “La Scozia avrà un ruolo in un’Europa più forte“, ha detto la first minister scozzese Nicola Sturgeon intervenendo all’apertura della quinta sessione del parlamento scozzese. Il parlamento, ha aggiunto la leader scozzese, “porterà avanti il volere della nostra gente”, riferendosi al 62% di scozzesi che hanno votato ‘Remain’ al referendum sulla Brexit.

Poco prima, anche la regina Elisabetta aveva parlato al parlamento di Edimburgo, facendo appello alla “saggezza” dei deputati. “Resto fiduciosa che i parlamentari scozzesi utilizzeranno il loro potere in modo saggio per continuare a fare gli interessi di tutta la Scozia”, ha detto la sovrana britannica, che trascorrerà in Scozia una settimana, come ogni anno all’inizio di luglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bangladesh, Cristian, Marco e gli altri: ecco chi sono i 9 italiani uccisi nell’attentato di Dacca

next
Articolo Successivo

Bangladesh, a Dacca la più grave strage di civili italiani dopo l’11 settembre 2001

next