L’assessore allo Sport in pectore della giunta Raggi a Roma, Andrea Lo Cicero, replica dalla sua pagina Facebook quanto annunciato oggi in diretta da Myrta Merlino nella sua trasmissione L’Aria che tira (La7). “Ci tengo a precisare che la giornalista insieme al suo operatore hanno violato la mia proprietà privata” – racconta l’ex campione di rugby, mentre immortala l’inviata Eloisa Covelli al telefono e l’operatore che maneggia la videocamera nella sua tenuta a Nepi (Viterbo) – “irrompendo in casa mia senza alcuna autorizzazione del sottoscritto ed invadendo, dunque, la privacy del sottoscritto, della mia famiglia e del mio domicilio”. Mentre la giornalista è impegnata in una conversazione telefonica, nella quale racconta l’accaduto, Lo Cicero puntualizza: “Non è vero che ho staccato l’obiettivo all’operatore tv, perché la telecamera funziona perfettamente. Le avevo detto di non venire a casa mia a fare interviste o altro”. “Non ho mai visto niente del genere in vita mia“, replica la giornalista che al telefono spiega di essere stata bloccata dall’auto di Lo Cicero e che sta per essere “menata” dallo sportivo. Sul suo post pubblicato su Facebook, l’assessore chiosa: “A testimonianza che non ci sia stata alcuna aggressione sono stato io per primo a chiamare i Carabinieri. Sto valutando, pertanto, l’ipotesi di sporgere io denuncia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tagli sanità, lavoratori ospedale San Paolo di Milano: “Governo e Regione stanno distruggendo servizio pubblico”

prev
Articolo Successivo

Esplosione a Milano, uomo ferito indagato per strage: “Tubo manomesso, ha provocato la fuga di gas”

next