“Non è più il tempo dell’obbedienza e per questo abbiamo deciso di violare le misure cautelari che ci sono state imposte”. Ieri sera a Bussoleno, alcuni dei 18 attivisti No Tav ai domiciliari o con l’obbligo di firma per gli attacchi al cantiere del 28 giugno 2015 hanno dichiarato che violeranno le restrizioni. I fatti si riferiscono al 28 giugno scorso quando un corteo di oltre mille persone ha violato i divieti della prefettura raggiungendo il cantiere e tirando giù delle reti. “Sono pronto ad andare in carcere – dichiara uno degli attivisti che nonostante i domiciliari ha parlato all’assemblea No Tav di ieri sera a Bussoleno – adottano queste misure per spaventare e allontanare la gente dai luoghi dove abbiamo sempre camminato e lottato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pistoia, si facevano analisi senza pagare ticket e senza liste d’attesa. Nei guai decine di dipendenti dell’Asl

prev
Articolo Successivo

Trento, arrestati ladri di bici. Il video del furto con manovra di sfondamento

next