“Adesso la Raggi pensi a trovare la benzina per i bus dell’Atac”, mormorò a notte fonda su Raitre l’onorevole Gasparri dando voce all’unica speranza a cui possono oggi aggrapparsi i tanti politici sconfitti e i giornalisti al seguito (quante facce livide nelle varie dirette televisive). Che cioè i sindaci del M5s si dimostrino incapaci di governare e che, soprattutto a Roma, la giovane Virginia affondi rapidamente nella palude dei 14 o 17 miliardi di debiti ereditata dalla vecchia politica, di destra e sinistra, gestita dagli amici degli amici. Come se il disastro fosse colpa sua. E’ sacrosanto chiedere che lei nella Capitale, e la Appendino a Torino, dimostrino nei fatti concreti la richiesta di “cambiamento” che gli elettori hanno trasformato in un terremoto. Attenzione però che se il governo Renzi taglierà loro i trasferimenti finanziari (come annunciato dal ministro Boschi) o li ritarderà all’infinito (come sperimentato nella Capitale dal sindaco marziano Marino) la loro si trasformerà rapidamente in una mission impossibile. Occhi aperti perciò e la richiesta rivolta dall’onorevole Di Maio ai cittadini di Roma e di Torino affinché stiano vicino alle nuove giunte pentastellate non appare affatto retorica in un cammino che si annuncia pieno di trappole.

Ieri sera alle undici e un minuto, se al posto di Matteo Renzi ci fossero stati Bersani o Enrico Letta, sarebbero stati dimessi all’istante dalla segreteria del Pd e a furor di popolo. Ipotesi che il boy scout di Rignano non prende neppure in considerazione preparandosi anzi, dicono i bene informati, a usare il minacciato lanciafiamme contro la minoranza nella direzione del 24 giugno accusandola, come sempre, di remare contro. Anche se a Milano (dopo che era successo a Cagliari) il Pd l’ha spuntata solo grazie all’appoggio della sinistra interna ed esterna (Pisapia). E non certo grazie all’esercito fantasma del Partito della Nazione (Verdini). Le beghe dei Democratici non fermeranno il premier-leader poiché, malgrado qualche inevitabile autocritica Renzi resterà Renzi con tutta la sua arroganza. Se lo conosciamo bene scaricherà la clamorosa sconfitta sulle spalle dei dirigenti locali del Pd e forse anche di qualche collaboratore troppo dialogante. E forse l’unico rimprovero che si farà sarà quello di non avere rottamato abbastanza. Gli altri, s’intende. A questo punto però avere voluto personalizzare il referendum di ottobre sulle riforme costituzionali si sta dimostrando giorno dopo giorno un pericoloso boomerang. Non rinuncerà a farlo neppure dopo la bastonata di domenica (e dopo che i sondaggi danno il ‘No’ in vantaggio). Gli va riconosciuta una certa spericolatezza nel puntare l’intero piatto (“se perdo vado a casa”). Il timore è che stia giocando anche con la pelle degli italiani.

Nel centrodestra l’unica notizia positiva è la buona prestazione a Milano di Stefano Parisi che in due mesi è arrivato a una incollatura da quel Beppe Sala, partito con il vantaggio dell’Expo e del sostegno incondizionato di Palazzo Chigi. Oggi l’ala cosiddetta “moderata” dello schieramento ha un possibile leader a cui affidare la successione di Silvio Berlusconi. Anche perché l’ala lepenista di Matteo Salvini esce da questa consultazione piuttosto ammaccata e con la sconfitta più amara a Varese, proprio nella culla della Lega, caduta sotto i colpi dell’odiata sinistra.

Infine gli astenuti. Crescono progressivamente (un elettore su due è rimasto a casa) e a questo punto i partititi tradizionali sempre più soli dovrebbero ringraziare quei movimenti a lungo disprezzati come populisti che riescono a drenare il senso di rivolta degli Italiani trattenendola dentro le istituzioni. Il M5s ma anche Luigi De Magistris. Che a Napoli, forte della riconquista del comune, sembra intenzionato a trasformare degli Arancioni un partito nazionale della bandana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ballottaggi Sicilia 2016, Pd sconfitto quasi ovunque. M5s vince in tre comuni e pensa già alle Regionali

next
Articolo Successivo

Ballottaggi 2016, Salvini stronca Parisi: “Leader del centrodestra? Faccia il capogruppo a Milano. Stop”

next