“Mi auguro che un giorno lei si segga su questa sedia e vediamo se poi sarà capace di fare tutto quello che oggi ha auspicato di poter fare”. Così, nel maggio 2015, il primo cittadino di Torino Piero Fassino attaccava la consigliera del M5s Chiara Appendino, oggi nuovo sindaco di Torino dopo la vittoria contro il sindaco uscente, candidato del Pd. Non era la prima volta che Fassino cedeva alla tentazione di lanciarsi in simili profezie. Era il 2009 quando Fassino, dagli studi di RepubblicaTv, tuonava contro Beppe Grillo, appena escluso dalle primarie del Partito democratico. L’augurio dell’ex segretario Pd portò bene al M5s che alle politiche del 2013 raccolse il 25% dei consensi, diventando il primo partito alla Camera dei deputati. Con la vittoria della Appendino si avvera la seconda profezia di Fassino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, comitato Pd. L’ex Forza Italia: “Di che testata sei te? Il Fatto? Per carità…”

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma 2016, Giachetti: “Sconfitta mi appartiene, ho chiamato la Raggi”

next