La presenza del commercio cinese nella zona che si sviluppa attorno a via Paolo Sarpi – la cosiddetta Chinatown di Milano – resta uno dei punti attorno al quale i due candidati sindaco meneghini si giocano la partita in quest’area della città. “Non sono contento di cosa ha fatto la giunta negli scorsi anni rispetto a questo quartiere”, raccontano alcuni residenti alle telecamere de ilfattoquotidiano.it. Altri si affidano “al voto a sinistra” che negli scorsi anni ha caratterizzato questo quartiere. Dopo un primo turno che ha visto un netto testa a testa tra il candidato di centrosinistra Giuseppe Sala e il competitor di centrodestra Stefano Parisi, nella Chinatown milanese diversi elettori raccontano alle nostre telecamere di due sfidanti sempre più simili. Somiglianze che gettano alcuni elettori nello sconforto (“Vedrò dove tira la matita”) mentre in altri generano rassicurazione (“Comunque vada cadiamo bene”). Non mancano riferimenti alle tanto discusse primarie del centrosinistra dello scorso febbraio, che avevano visto un’ampia – e a tratti sospetta – partecipazione della comunità cinese dopo l’endorsment in lingua mandarina di Sala. “In tanti sono andati a votare alle primarie – racconta un residente del quartiere di via Paolo Sarpi – mentre in queste ore i cinesi stanno tutti lavorando: non gli interessa delle votazioni di Milano”. Resta comunque difficile intercettare l’opinione dei diretti interessati. “I candidati sono tutti uguali”, racconta una donna mentre un altro cittadino cinese, allontanandosi velocemente dal seggio, aggiunge: “Se sono soddisfatto? Vediamo stasera”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, elettori al voto: ‘Ultime polemiche? Non ci hanno confusi. Ci siamo turati il naso’

prev
Articolo Successivo

Stefano Parisi, che donna milanese hai in mente?

next