La Uefa ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti di Croazia e Turchia per i disordini provocati dai loro tifosi durante le partite di ieri di Euro 2016, rispettivamente contro la Repubblica Ceca, terminata 2-2, e la Spagna, match vinto dagli iberici con un netto 3-0.

Entrambe le federazioni potrebbero ricevere sanzioni non meglio specificate “per il lancio di oggetti e fumogeni”, si legge in una nota da parte dell’istituzione che governa il calcio europeo. La Croazia dovrà rispondere anche per i “comportamenti razzisti” dei propri sostenitori in occasione della gara pareggiata contro i cechi mentre la Turchia è accusata per l’invasione di campo durante la sfida persa contro le Furie rosse. La decisione in merito è stata fissata per lunedì 20 giugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europei 2016, guardare la partita dell’Italia? Meglio gli spogliatoi. Razzisti in libertà su Whatsapp

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, Ibrahimovic: “Con Chiellini ce le siamo date? No, altrimenti sarebbe in ospedale”

next