La Uefa ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti di Croazia e Turchia per i disordini provocati dai loro tifosi durante le partite di ieri di Euro 2016, rispettivamente contro la Repubblica Ceca, terminata 2-2, e la Spagna, match vinto dagli iberici con un netto 3-0.

Entrambe le federazioni potrebbero ricevere sanzioni non meglio specificate “per il lancio di oggetti e fumogeni”, si legge in una nota da parte dell’istituzione che governa il calcio europeo. La Croazia dovrà rispondere anche per i “comportamenti razzisti” dei propri sostenitori in occasione della gara pareggiata contro i cechi mentre la Turchia è accusata per l’invasione di campo durante la sfida persa contro le Furie rosse. La decisione in merito è stata fissata per lunedì 20 giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Svezia 1-0, ha avuto ragione Conte. Ma senza gioco e fantasia serve un piano B per puntare in alto

next
Articolo Successivo

Europei 2016, Ibrahimovic: “Con Chiellini ce le siamo date? No, altrimenti sarebbe in ospedale”

next