Il nuovo sindaco laburista di Londra Sadiq Kahn ha annunciato che, nella rete della metropolitana e dei trasporti pubblici londinesi, non saranno più esposti annunci che “potrebbero causare problemi di fiducia nel proprio corpo, in particolare nei giovani”. Con due figlie adolescenti, il sindaco spiega che queste pubblicità possono “sminuire” le donne e incoraggiarle a mirare a modelli di corpo irreali o non sani. “Nessuno deve sentirsi sotto pressione, mentre viaggia in metropolitana o in bus, con aspettative irrealistiche sul proprio corpo e voglio inviare un messaggio chiaro al settore della pubblicità”.

La decisione arriva dopo le proteste contro la pubblicità di un integratore alimentare per dimagrire con la scritta: “Sei pronta per la prova costume?”, che l’anno scorso finì sul banco degli imputati, provocando una manifestazione di protesta a Hyde Park e una petizione su Change.org con oltre 70mila firme. La pubblicità fu segnalata anche al Giurì della pubblicità inglese (Advertising standards authority) che però non ne ordinò la rimozione. Ci ha pensato Sadiq Kahn.

La nuova rivoluzionaria direttiva anti sessista e anti anoressia sarà applicata a tutti i 12mila annunci pubblicitari nella rete di Transport for London. E’ un provvedimento non solo sensato, ma da applaudire e che andrebbe copiato in Italia, dove si piangono i femminicidi ma si abusa del corpo delle donne ovunque, a cominciare dai cartelloni pubblicitari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival della Lentezza, idee e imprese “fuori dagli schemi”: dagli isolanti “etici” alla rinascita dei luoghi abbandonati

next
Articolo Successivo

Maturità, gatti in classe contro lo stress da esami: l’esperimento in Australia

next