La ruspa si è inceppata. Accendila oggi, accendila domani (pure per promuovere il due per mille a favore del partito, mamma mia che tristezza), il motore s’è imballato. Necessiterebbe di un tagliando. O, meglio ancora, di una sosta ai box: la ruspa ha un tantino rotto le scatole. E poi invoglia a… “controruspare”. Per esempio. Perché la candidatura di Maroni capolista a Varese quando il Bobo è già presidente di Regione?

Com’era la storia di “un culo, una cadrega”? Preferenze alla mano, il pallottoliere dell’ex ministro si è fermato a soli 328 voti; roba che per un big del Carroccio è davvero una figuraccia. Altri esempi di controruspa: a Varese, Salvini ha puntato sul padrun dei supermercati dopo anni a difesa dei prestiné contro la grande distribuzione; a Milano ha candidato i due autisti storici. Per dirne un’altra si potrebbe storcere il naso di fronte all’incarico in regione Lombardia assegnato a quel Morisi, guru internettiano del verbo salviniano. Era opportuno affidargli l’incarico del sito internet?

Il ragazzo di via Bellerio non è diventato adulto. I voti non lo hanno proiettato laddove egli stesso sperava. A Varese, capitale del leghismo duro e puro, la Lega ha perso voti; a Milano s’è fatta doppiare da Forza Italia che solo all’ombra della madonnina ha ritrovato il sorriso con Parisi; a Roma e a Torino non ha superato il 2 e il 5 per cento, mentre a Bologna, dove pure si intestava il candidato sindaco Lucia Borgonzoni, ha racimolato solo un buon 10%. Insomma per colui che sperava di rappresentare il volto del nuovo centrodestra italiano sulla scia dei successi europei dei leader antisistema il cammino è ancora tutto in salita.

Salvini era partito bene, aveva dato nuova densità a un movimento fortemente in crisi. Ora sembra la Teresa del Musazzi, una macchietta del cortile lombardo: “Sciura, t’è vist i rom? E gli immigrati?”. Non c’è più traccia di un’idea politica. La ruspa non è un programma politico, né lo può essere il populismo della bestia. Per non dire del bignamino antieuro con cui va in giro a comiziare: la battaglia contro la moneta unica è una vicenda molto seria, dannatamente politica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni amministrative 2016 Roma, Grillo attacca Orfini ‘il coerente’. Che risponde: “Inventa falsità per far soldi. Fa schifo”

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma 2016, la grillina Raggi lavora alla giunta. Ipotesi nomi stranieri: “Per rilanciare la Capitale all’estero”

next