“Questa legge elettorale non mi piace… uninominale”. E’ il parere di Andrea Morrone, ordinario di Diritto costituzionale a Bologna, che interviene su alcuni degli spunti emersi dal confronto tra Maria Elena Boschi e lo studente che in un incontro col ministro all’Università di Catania ha criticato la riforma costituzionale in vista del referendum di ottobre. Italicum, dunque, “perché al ballottaggio non prevede una soglia minima di voti per l’assegnazione il premio di maggioranza (che al primo turno è del 40%)”, dice lo studente. Incostituzionale come il Porcellum? “Non è certo che la mancanza della soglia in un secondo turno che segue di fatto una prima consultazione sia giudicabile come un’assenza della soglia. La tesi che più mi convince è che l’asticella per calcolare il consenso vada posta al primo turno”, spiega Morrone. “Ma i dubbi sono legittimi e rimangono”. Quanto alla possibilità di scegliere i propri rappresentanti, “l’Italicum non risolve in alcun modo il problema posto dalla Consulta quando bocciò il Porcellum”. Poi aggiunge: “Non ci sono leggi elettorali che permettano agli elettori di scegliere davvero la classe dirigente: serve una legge sui partiti, perché siano strutture intermedie strutturate e radicate sul territorio dove veramente avvenga la sintesi politica e la selezione delle classi dirigenti”. Nel video precedente, “pesi e contrappesi”, gli organi di garanzia dopo la riforma

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sondaggi Comunali 2016, stop ai numeri ufficiali: galoppano quelli clandestini. A Milano testa a testa Renzault-Sifiat

prev
Articolo Successivo

Equitalia, M5s al Pd: “Renzi vuole abolirla? Si può fare domani, voti le nostre proposte”

next