Anche F2i sceglie Enel per la cessione di Metroweb, la municipalizzata milanese della fibra. La decisione si muove nello stesso solco di Cassa Depositi Prestiti, altro azionista della società, che settimana scorsa aveva preferito l’offerta della società elettrica a quella della concorrente Telecom. L’offerta di Enel, sponsorizzata dal premier Matteo Renzimette sul piatto 806 milioni di euro contro gli 820 dell’azienda guidata da Flavio Cattaneo ma, al contrario della compagnia telefonica, offre ai soci  la possibilità di restare nel capitale.

Il cda di F2i, che controlla il 54% di Metroweb, si è riunito in mattinata e l’ad Renato Ravanelli ha dato ai consiglieri un’informativa sulle due offerte arrivate, quella di Telecom e quella di Enel Open Fiber. Al termine della riunione ha deciso di proseguire il negoziato solo con Enel. Nei negoziati sarà coinvolta anche Swisscom che, attraverso Fastweb, controlla il 10,6% di Metroweb Milano. La vendita di Metroweb Italia comporterebbe infatti un cambio nell’azionariato anche di Metroweb Milano e per questo i patti parasociali attribuiscono al gruppo svizzero un diritto di veto fino a marzo 2017. Tra le possibilità in discussione ci sarebbe anche quella di un reinvestimento, in un secondo tempo e non più con il primo fondo ma con il secondo, in Enel Open Fiber. La stessa proposta potrebbe essere discussa con Fastweb.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poste italiane, ok a vendita del 29,7% ancora del Tesoro. A gestirla le stesse banche che hanno seguito il collocamento

next
Articolo Successivo

Uber e Airbnb, l’apertura Ue: “Il divieto deve essere solo una misura estrema”

next