A Varese il Pd cala l’asso e a cinque giorni dal voto mette in scena il gran finale: una serata-show di Matteo Renzi in un cinema Vela gremito. Mentre fuori, sotto la pioggia, un centinaio di leghisti dicevano la loro al suono dei fischietti (video), sfoderando striscioni ironici e qualche fumogeno, dentro un migliaio di persone assistevano e applaudivano l’affondo del Partito democratico alla Lega Nord. Tutti gli interventi, da quello del candidato sindaco Davide Galimberti a quello del premier Renzi, passando per quello del segretario regionale Alessandro Alfieri, hanno infatti preso di mira il partito di Salvini (senza mai nominare il segretario federale). Gli attacchi sono stati rivolti soprattutto a Roberto Maroni (che qui è candidato come capolista della Lega a sostegno di Paolo Orrigoni) e alla politica leghista. Si è parlato del ventennio leghista, degli insuccessi del Carroccio, del fatto che il centrodestra a Varese ha fatto il suo tempo. Sono stati evocati i diamanti della Tanzania e le lauree in Albania. Il tentativo è stato quello di raccontare che la Lega è sempre la Lega o forse anche peggio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, Renzi contro tutti: “Se Fiom avesse avuto ragione, Fiat non sarebbe più qui”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Varese, Renzi contestato dai militanti della Lega Nord con fischietti e striscioni

next